Un successo il Campionato Italiano Vigili del Fuoco a Vulcano

Unanimi e meritati consensi per la decima edizione del Campionato Italiano Vigili del Fuoco di beach volley, che si è svolta a Vulcano. Hanno regalato emozioni le quattro giornate di sport ed aggregazione vissute nell’incantevole isola dell’arcipelago eoliano.

Una spettacolare fase di gioco del torneo

Le 28 coppie iscritte, provenienti da tutta Italia, si sono affrontate sui campi del lido “Baia Negra”, tra i quali il “centrale”, palcoscenico ideale delle partite più importanti del torneo tricolore. Le condizioni climatiche sono state ideali, dando la possibilità ai partecipanti ed ai loro accompagnatori di godersi mare, sole e tanto sano divertimento. La manifestazione nazionale, organizzata e promossa dal Comando provinciale dei VV.F. di Messina, coordinato per l’occasione da Roberto Bombara e Antonio Genovese, con la supervisione della Direzione regionale VV.F. per la Sicilia, è stata patrocinata dalla FIPAV Messina e dall’AICS.

La coppia vincitrice del titolo tricolore

Il duo Ragaglia-Gambi del comando di Ancona ha vinto l’ambito titolo, superando in finale con il punteggio di 2-0 i combattivi Mulas e Derosas, appartenenti rispettivamente ai Comandi di Como e Sassari. Derosas è stato premiato come migliore giocatore del torneo, mentre lo speciale riconoscimento “fair play” è andato a Marchio del Comando di Vibo Valentia. Grande la soddisfazione espressa dal comandante provinciale dei VV.F di Messina Pietro Foderà, che si è detto entusiasta dell’ottima riuscita dell’evento.

Sulla stessa lunghezza d’onda le parole del presidente dell’AICS Messina Lillo Margareci, che ha seguito con vivo interesse l’intera kermesse: “Già durante la conferenza stampa, alla quale ho preso parte con enorme piacere, si è percepita la rilevanza dell’appuntamento e, soprattutto, che si era scelta la migliore location possibile per un campionato rivelatosi poi bellissimo ed entusiasmante. L’AICS è sempre orgogliosa di essere vicina a questo tipo di iniziative, che coniugano mirabilmente agonismo, turismo e voglia di stare insieme”.   

Commenta su Facebook

commenti