Un punto a testa a Bisconte: finisce 1-1 l’anticipo fra Gescal e Gioiosa

GescalIl Gescal celebra la rete (foto Alice Cucinotta)

Finisce in pareggio il primo e unico anticipo valido per la seconda giornata del girone B. Al Despar Stadium Gescal e Gioiosa si sono infatti divise un punto, al termine di un match dai ritmi altalenanti ma abbastanza equilibrato.

La Rocca

La Rocca è andato vicino alla rete

Partono subito forte i padroni di casa, che gestiscono largamente il pallino del gioco nei primi minuti e ci provano con La Rocca e Marino, le cui conclusioni però non vanno a buon fine. Alla mezzora è ancora La Rocca a tentare, ma il suo tiro viene murato dalla difesa ospite. Stessa sorte per Tiano, che dopo una bella accelerazione sulla destra viene bloccato dall’intervento degli avversari. Al 40’ la prima vera emozione del primo tempo: Ballarò si incarica della battuta di un calcio di punizione e il pallone, dopo aver attraversato l’intera area del Gioiosa, per poco non finisce sui piedi di Tiano, che da due passi manca l’aggancio decisivo per siglare la rete del vantaggio. Sul finire di primo tempo spazio anche per un tentativo di Cipriano, la cui punizione però finisce fuori.

Gescal

I calciatori del Gescal si proteggono in barriera

Nella ripresa la sfida si accende. Al 6’ Ballarò ci prova su punizione, ma il tuo tentativo si spegne sul fondo. Due minuti Zappalà lancia in profondità Keita, che con una grandissima accelerazione supera l’intero Gioiosa e arriva a ridosso dell’area di rigore. Qui il centrocampista del Gescal imbuca per Sturniolo, che da due passi insacca il vantaggio in favore dei suoi. La risposta degli uomini di Catalfamo però non si fa attendere: al 16’ Pascual tocca il suo primo pallone, seminando il panico nella difesa del Gescal. L’azione personale del centravanti argentino è spettacolare e si conclude con un bel destro da distanza ravvicinata, su cui nulla può Papale.

Papale

Papale opera un rinvio

L’1-1 dà fiducia al Gioiosa, che al 22’ fa tremare il Gescal con Toto Lucca, che prima supera gli avversari e poi va al tiro dal limite, calciando di poco fuori. Alla mezzora della ripresa il Gescal spreca l’opportunità di ripassare a condurre: Marino illumina in profondità per Sturniolo, che perde un attimo di troppo e davanti a Caserta tentenna, colpendo male la sfera. Lo stesso attaccante ci prova cinque minuti dopo, trovando ancora la risposta dell’estremo difensore avversario. Al 42’ invece Pascal ha l’opportunità di calciare dalla distanza, ma il suo tiro è alto e fuori misura. Finisce così un match tra due formazioni che sul campo si sono equivalse e che adesso in classifica si trovano entrambe a quota quattro punti.

Gescal-Gioiosa 1-1
Gescal (4-3-3): Papale; Casale, Parrinello, Giordano, Tiano; Keita, Ballarò, Marino (dal 36’ st De Salvo); Sturniolo, La Rocca, Zappalà (dal 22’ st Di Stefano). Allenatore: Di Maria. A disposizione: Diao, Giodano, Ventra, Iannello, Supino, Maddalena, Ballarò C.
Gioiosa (4-3-3): Caserta; Raffaele, Regina, Galati Rando, Cultrona (dal 9’ st Toto Lucca); Coulibaly, Cipriano (dal 24’ st Sidoti), Celi; Oddo (dal 45’ st Ceraolo), Serio (dal 14’ st Pascual), D’Amico (dal 32’ st Quintero). Allenatore: Catalfamo. A disposizione: Cannavò, Giuppa, Gumina, Radu.
Note – Ammoniti: Tiano (GE), Casale (GE), La Rocca (GE), Cipriano (GI), Sidoti (GI).
Arbitro: Alessio Lazzara della sezione di Barcellona Pozzo di Gotto. Assistenti: Marco Giuliani della sezione di Barcellona Pozzo di Gotto, Salvatore Puglisi della sezione di Catania.

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva