Trofeo San Vincenzo Ferreri: In finale Cefalù e Rocca di Capri Leone, delude la Tiger, “diserta” il Due Torri

Torneo San Vincenzo Ferreri a Castell'Umberto

Si sono svolti tra sabato 16 e domenica 17 agosto le prime due giornate dei quattro triangolari che caratterizzano il rinato “Trofeo San Vincenzo Ferreri” che, giunto alla sua sedicesima edizione, si disputa nel centro montano nebroideo di Castell’Umberto.

Cefalù Calcio

Cefalù Calcio

Una storica manifestazione sportiva che “ritorna” dopo una lunga assenza – l’ultima edizione si era svolta nel 1990 – per l’impegna dell’amministrazione comunale di Castell’Umberto, della Commissione per la festa di San Vincenzo Ferreri (patrono della cittadina), e dei dirigenti della Polisportiva Umbertina del presidente Pippo Fichera.

Un torneo d’indubbio interesse anche per la formula adottata con ben nove partecipanti, tra cui anche la Tiger Brolo partecipante alla prossima Serie D, mentre la prevista partecipazione del Due Torri è saltata all’ultimo ed in extremis sarà il Città di S. Agata a supplire. Suddivise in tre gironi da giocarsi in tre distinti giorni con la formula dei mini triangolari di un tempo ciascuno, con le vincitrici che si sfideranno per la finalissima  il prossimo 26 agosto.

Le due formazioni abbracciate in mezzo al campo nel pre-gara

La Tiger Brolo insieme all’ACR Messina prima del fischio d’inizio del “3° Memorial Gullà”

La prima giornata di gara per il Girone A, sabato 16, , ha visto impegnate il Cefalù e le due compagini cittadine dell’Umbertina e della Sfarandina. Il primo triangolare ha visto imporsi, secondo pronostico,  l’undici cefaludese: successo per 1-0 sulla Sfarandina (rete di Tomasello) e per 3-2 nella lotteria dei rigori sull’Umbertina. Tra le due gare, in mezzo si è disputato il “derby” cittadino che ha sancito il successo della Sfarandina per 2-0 grazie ai gol di Mosè e Pruiti.

La seconda giornata per il Girone B,  domenica 17, ha riservato maggiori sorprese con la doppia caduta del Tiger Brolo. L’undici giallonero di mister Santino Bellinvia ha patito il fondo di gioco in terra battuta e pagato dazio a numerose indisponibilità, alcune a titolo precauzionale visto anche l’imminente primo impegno ufficiale in Coppa Italia, previsto per domenica 24 agosto, sul campo degli ennesi della Leonfortese di mister Gaetano Mirto, altra neopromossa in Serie D.

La presentazione di mister Ferrara

La presentazione di mister Ferrara al Rocca: tra il presidente Giacobbe e il d.s. Germanotta

Per i “tigrotti” del presidente Nino Tripi due k.o. di stretta misura (1-0): prima ad opera del Sinagra di mister Ioppolo che si impone grazie ad un gol di La Torre che sfrutta uno svarione difensivo per punire D’Alessandro sul primo palo; e poi del Rocca di Capri Leone di mister Ferrara che s’impone su un rigore trasformato da Cannavò (atterramento di Naro),  e dopo averne già fallito uno in precedenza quando il reattivo estremo brolese Lo Verde aveva neutralizzato quello calciato da Russo (concesso per un mani di Frittitta).

Tiri dal dischetto che decideranno la successiva sfida tra il Rocca di Capri Leone e il Sinagra, con i biancoblu che superano per 7-6 i giallorossi ed accedono alla finale. Per conoscere la terza finalista che uscirà dal Girone C bisognerà attendere ancora qualche ora, e più esattamente il pomeriggio del 19 agosto: il triangolare con in campo Città di S.Agata, Mamertina e Santangiolese.

Commenta su Facebook

commenti