Due Torri, Galati: “Classifica positiva. In trasferta ci esprimiamo meglio”

Galati fa ripartire l'azione

Il successo contro la Neapolis è nuova linfa per il Due Torri che ha saputo mettersi alle spalle il periodo nero. Il difensore Gianluca Galati, intervenuto a RadioDoc, ha analizzato la gara di domenica, decisa da un gran gol di Pitarresi. “Era importante vincere per dare continuità al successo ottenuto contro il Noto. Abbiamo affrontato un avversario che ha giocato a viso aperto nonostante le tante assenze. Cercavamo di sbloccarla sin dall’inizio e dopo l’espulsione di Temponi la partita si è messa in discesa. Il gran gol di Pitarresi è valso l’1-0 e poi abbiamo gestito bene il match”.

L'esultanza dei calciatori del Due Torri (foto Carmelo Lenzo)

L’esultanza dei calciatori del Due Torri (foto Carmelo Lenzo)

I dodici punti in graduatoria sono un buon bottino per i biancorossi, come conferma il difensore classe ’95. “Abbiamo avuto qualche difficoltà all’inizio ma ci siamo ripresi ed ora veniamo da due successi di fila. Ritengo la posizione di classifica attuale molto positiva, sebbene avremmo potuto avere qualche punto di più. In trasferta giochiamo forse meglio perchè siamo bravi a ripartire. Adesso grazie a questa vittoria ci siamo sbloccati anche in casa e speriamo di dare da qui in avanti maggiori soddifazioni ai nostri tifosi”.

Lo 0-4 con il Sorrento, il momento più duro di questo avvio di stagione, appartiene ormai al passato. “E’ stata una partita nata male. Abbiamo subìto il primo gol su un errore dell’arbitro e trovandoci poi sotto di due reti ed inferiorità numerica ci siamo sbilanciati per cercare di recuperare, incassando le altre reti. Dopo quella partita, però, il mister ci ha tranquillizzati. Sappiamo di non essere la squadra più forte del campionato, ma abbiamo le nostre certezze e possiamo giocarcela con tutti. La sconfitta con il Sorrento, infatti, è stata archiviata in fretta”.

I calciatori del Due Torri celebrano un successo

I calciatori del Due Torri celebrano un successo

Galati ha quindi parlato dei primi mesi trascorsi al Due Torri dal punto di vista personale. “Dopo due anni di Eccellenza mi cimento in questo campionato. Ho trovato una grande differenza giocando in D, ma dopo le prime gare adesso sono davvero a mio agio. A Gliaca di Piraino ho trovato tante brave persone ed una dirigenza che non ci fa mancare nulla. Il mister Venuto, inoltre, è molto preparato e fa lavorare sodo i giocatori durante gli allenamenti che sono molto lunghi. In fondo è giusto così perchè ci aspetta un torneo difficile. Il cambio di modulo ? Con la difesa a tre c’erano meccanismi diversi, adesso, dopo il ko col Sorrento, ci schieriamo a quattro per essere più coperti. Con questo tipo di assetto avevo già giocato in passato, trovandomi bene sia da terzino che da centrale. L’importante è che si prendano pochi gol, non importa il modulo”.

Commenta su Facebook

commenti