Tony Cairoli apre l’avventura statunitense con un sesto posto: “Bell’esordio”

Tony CairoliTony Cairoli in azione in California

Al suo tanto atteso debutto nel motocross americano, il nove volte campione del mondo Antonio Cairoli ha dato spettacolo per i fan nel sud della California e in tutto il mondo. Con un ottavo posto nella manche di apertura, il pilota italiano ha combattuto all’interno di un fitto campo di piloti all’inizio. Stava lavorando per raggiungere i primi cinque, ma un incidente a fine gara lo ha riportato indietro per finire decimo in gara uno.

Ama Pro Motocross

Nelle convulse fasi della partenza Cairoli ha scelto una traiettoria interna

Con un inizio molto più fluido nella seconda manche, Tony è entrato tra i primi cinque nel primo giro, combattendo contro Eli Tomac all’inizio. Il centauro pattese ha finito per passare al sesto posto e ha offerto un’ottima prestazione per il resto della gara, per assicurarsi il settimo posto assoluto al suo debutto AMA Pro Motocross. Sabato prossimo, 4 giugno, il campionato AMA Pro Motocross 2022 si dirige a nord, a Rancho Cordova, in California, per il secondo round di Hangtown Motocross Classic. In classifica generale guida Chase Sexton, con 50 punti all’attivo. Cairoli è settimo, con 26, frutto degli 11 raccolti in gara-1 e dei 15 di gara-2.

Ama Pro Motocross

Grande pubblico in California per il ritorno dell’Ama Pro Motocross

Il bilancio è positivo per Tony Cairoli, che dopo il ritiro dalla Mxgp non aveva sostenuto una preparazione specifica per la nuova avventura: “Qui al Pala è un esordio molto bello per me. Certo, poteva andare un po’ meglio senza la caduta nella prima manche, ma ero vicino ai primi cinque in entrambe le gare. Sono davvero felice di come è andata considerando la mia forma fisica: ho iniziato ad allenarmi in gara solo due o tre settimane fa. Prima stavo solo testando per il team e per la ricerca e sviluppo in KTM, quindi fino a un mese fa non avevo davvero il piano di correre qui. Era un po’ come se la tua mente volesse fare di più, ma stai attento perché questa pista era molto imprecisa e impegnativa, quindi devi semplicemente prendere tutto ciò che arriva e costruire un po’ gara dopo gara”.

Autori

+ posts