Sant’Alessio e San Fratello ripescati in Promozione. Le messinesi in due gironi

San FratelloIl San Fratello celebra una rete (foto 3mTv)

Il Consiglio Direttivo della Lnd Sicilia ha ripescato sei formazioni nel campionato di Promozione. Tra loro anche due messinesi, la Polisportiva Sant’Alessio e il San Fratello. Salto di categoria anche per il Santa Lucia di Siracusa, il Vizzini 2015, il Kamarat di Cammarata e il Città di Casteldaccia. Considerato che restano vacanti due posti, deliberata la formulazione di due gironi da 14 e due da 13 squadre.

Polisportiva Gioiosa

La Polisportiva Gioiosa tra le formazioni più ambiziose

Girone B (14 squadre): Castelluccese, Aspra, Città di Casteldaccia, Città di Mistretta, Gangi, Geraci, Gorgonia Delia, Lascari, Polisportiva Gioiosa, Pro Falcone, San Fratello, Santangiolese, Supergiovane Castelbuono, Villarosa.

Girone C (13 squadre): Atletico Messina, Catania S. Pio X, Città di Aci Sant’Antonio, Città di Calatabiano, Belpasso 2014, Gescal, Messana 1966, Nuova Azzurra Fenice, Polisportiva Sant’Alessio, Pro Mende, Riposto, Valdinisi, Valle del Mela.

Girone A (13 squadre): Accademia Trapani, Alba Alcamo 1928, Casteltermini, Città di Carini, Città di San Vito Lo Capo, Folgore Castelvetrano, Fc Marsala, Fulgatore, Gemini, Iccarense, Kamarat, Partinicaudace, Petrosino 1969.

Girone D (14 squadre): Atletico 1994, Città di Avola 2020, Città di Canicattini, Gymnica Scordia, Priolo Gargallo, Fcm 2011 Misterbianco, Fc Vittoria, Frigintini, Megara 1908, Misterbianco, Pro Ragusa, Santa Lucia, Società Calcistica Gela, Vizzini.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma