Sant’Agata, Zingales: “Finale di stagione amaro, dobbiamo guardare avanti”

Zingales in azione

Più che per la classifica la prima vittoria al “Fresina” sarebbe servita per l’orgoglio. Il Sant’Agata, però, non è riuscito nell’intento, chiudendo al terzo posto un campionato travagliato, concluso con la sconfitta incassata contro l’Alcamo. Troppa la distanza dal Canicattì, secondo a +15, per disputare i play-off e tanta l’amarezza in casa biancazzurra. Un finale di stagione al di sotto delle aspettative, come ha confermato il capitano Boris Zingales“Purtroppo abbiamo chiuso male la stagione. Volevamo regalare una gioia al nostro pubblico, anche se non avrebbe cambiato nulla in termini di classifica. Ci teniamo questo terzo posto, però chiaramente gli obiettivi prefissati alla vigilia del campionato erano altri. La distanza dal Canicattì, purtroppo, non ci permetterà di disputare i play-off e c’è tanto rammarico per questo. Ci servirà da esperienza, dobbiamo guardare avanti e ripartire subito pensando alla prossima stagione”.

Boris Zingales, perno e capitano del Sant’Agata

Dopo un lungo esilio la squadra è tornata nella sua “casa” soltanto per il finale di stagione, senza però riuscire a festeggiare con una vittoria: “Il Fresina stranamente non c’ha portato bene.  Abbiamo disputato due partite qui – ha aggiunto Zingales – subendo due ko pesantissimi contro Licata e Alcamo. Sarà difficile smaltire questa delusione e i rimpianti sono davvero tanti. In quanto capitano e anche originario di Sant’Agata sento personalmente questo insuccesso, maturato dopo un percorso in campionato pieno di ostacoli”.

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

Commenta su Facebook

commenti