Sant’Agata rincorso dalle inseguitrici, perdono quattro messinesi su sei

MilazzoRiccardo Ancione celebra un gol

Equilibri invariati, o quasi, nel campionato di Eccellenza dopo il dodicesimo turno. Non cambiano infatti le distanze tra il Sant’Agata e le dirette inseguitrici, che all’indomani del 2-9 rifilato dagli uomini di Ferrara al Belpasso dei giovani, non mancano in nessun caso l’appuntamento col successo.
Vince dunque l’Acireale, che supera a domicilio il Real Avola grazie ai gol di Cocimano Contino, con in mezzo la rete di Sirugo, ma tiene il passo anche il Milazzo, distante un punto dai granata e quattro dalla capolista. I mamertini si aggiudicano con una doppietta di Cannavò il derby contro il Pistunina, sempre bloccato nella bagarre playout e pronto ad essere ridisegnato nella finestra di mercato invernale.

Antonio Cannavò raggiunge quota 14 gol

Antonio Cannavò raggiunge quota 14 gol

Un punto sotto il Milazzo restano il Palazzolo che sbanca il “Bagicalupo” di Taormina con un gol di Fabio Messina, il Pedara San Pio X vittorioso di misura su un Rocca di Caprileone sempre penultimo ed un sorprendente Rosolini, che compromette i sogni di gloria della matricola Biancavilla rimontata sul 2-1. Torna alla vittoria lo Scordia di Pippetto Romano, che interrompe un’emorragia di sconfitte costringendo ad un bagno di umiltà il Giarre, passato in vantaggio prima dei tre gol rossoblù ed è infine sempre più ultimo il Torregrotta che, destinato ad uscire ulteriormente ridimensionato dalla finestra di mercato, si illude con il gol di Cariolo ma cade col risultato di 1-4 al “Gangemi” per mano del Viagrande
Mercoledì 30 si giocheranno invece le gare di ritorno delle semifinali di Coppa Italia. Andranno in scena Milazzo-Palazzolo – i mamertini partono con un gol di vantaggio, maturato nella gara di andata – e Sporting Taormina-Acireale, che a parti invertite finì 2-1 per i padroni del “Tupparello”. Le due vincenti si sfideranno in altri 180′, poi la sfida alla squadra campione nel girone A.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti