Sant’Agata, ora o mai più. Milazzo, chance per rialzare la testa

L'esultanza alla "moda" per i calciatori del Sant'Agata

Mancano sei partite alla fine della regolar season del campionato di Eccellenza e mai come in questo momento i punti sembrano pesare. I riflettori di questo 25esimo turno sono tutti puntati sul “Fresina” di Sant’Agata dov’è di scena la capolista San Pio X.

Finisce senza reti la sfida tra Palazzolo e Milazzo (foto La Marca)

Gli etnei, se non vogliono rischiare di perdere la testa della classifica, sono chiamati a bissare l’impresa ottenuta due turni fa al “Salmeri” di Milazzo ma dall’altra parte ci sono i ragazzi di Pasquale Ferrara che vincendo potrebbero ritornare a sperare in quel primo posto occupato a lungo occupato nel corso di questa stagione. Il Milazzo, dopo la sfortunata gara contro il San Pio X e la brutta prestazione di Avola, è invece chiamato a rialzarsi: al “Salmeri” arriva il Belpasso per quello che si preannuncia un match abbastanza agevole.

I ragazzi di Rufini devono rinsaldare la loro posizione all’interno della griglia dei playoff, messa in discussione dalla poderosa rimonta dello Scordia, avversario dei mamertini nel prossimo turno ed impegnato domani nella tana del Palazzolo, capolista in pectore giunta a quello che potrebbe essere l’ultimo ostacolo del proprio del cammino verso la Serie D. Lo Sporting Taormina sarà poi ospite del Biancavilla per continuare a tenere a distanza di sicurezza la zona playout, la stessa da cui vuole uscire il Rocca di Caprileone, di scena al “Tupparello” contro un Acireale schiacciato tra i malumori della tifoseria  ed il disimpegno del presidente D’Amico. Il Pistunina è in cerca di punti in casa dello Sporting Viagrande, mentre il Torregrotta ospita il Città di Rosolini per una partita che potrebbe sancire la matematica retrocessione in Promozione dei rossoblù. Occhi infine all’ultimo anticipo, la gara che tra Giarre e Real Avola mette in palio un pezzo di salvezza diretta.

Commenta su Facebook

commenti