Alla Sala Laudamo l’omaggio a Pina Minichelli “Figghia d’arte” con Nella Tirante

Il prossimo 25 e 26 novembre presso la Sala Laudamo ci sarà il monologo scritto e interpretato da Nella Tirante dal titolo: “Figghia d’arte”. Lo spettacolo rappresenta l’anteprima alla rassegna “Incroci” inserita nel progetto “Laudamo in Città” promosso da Daf-Teatro dell’Esatta Fantasia. Lo spettatocolo è una produzione dell’associazione culturale “Cosa sono le nuvole” e vanta le musiche originali eseguite dal vivo da H.E.R., mentre l’aiuto regia sarà curata da Fabiana Lazzaro, le  scene e costumi e grafica da Cinzia Muscolino ed il disegno luci Renzo Di Chio. “Figghia d’arte” racconta la vita e la carriera della grande attrice del cinema muto Pina Menichelli, ossia la storia di un’attrice, di una scelta, di una famiglia di attori girovaghi, del passaggio dal teatro al cinema e dal cinema muto al sonoro, ma soprattutto racconta di una donna moderna, che precorre i tempi.

Nella Tirante

Nella Tirante

Nella Tirante scrive nelle note di regia: “Nasce da due coincidente una somiglianza fisica, ed un’origine geografica comune, tra la grande attrice del cinema muto Pina Menichelli, e l’autrice/attrice del testo. Pina Menichelli nasce nel 1890 durante la tournèe dei genitori in un piccolo paese della provincia di Messina, Castroreale, e per questo ‘figghia d’arte’. Oggi il suo nome a molti non dirà tanto, ma all’epoca ebbe una fama mondiale, fu una delle dive più apprezzate del cinema muto italiano, e all’estero ebbe una fama che oggi non possiamo neanche immaginare, nacque addirittura il fenomeno del Menichellismo. Infatti le ragazze imitavano in tutto e per tutto la figura della donna sensuale e seduttrice che ella incarnava, veniva imitata nell’abbigliamento e persino nei comportamenti. All’apice del successo, ma nel momento in cui si afferma il sonoro, poco dopo i 30 anni, l’attrice decide di ritirarsi a vita privata, si dedicherà alla famiglia, e sceglierà di sparire anche dai ricordi dei suoi fans per il ‘dovere di dimenticare’ come lei stessa si espresse a riguardo con un giornalista dell’epoca. Il testo è in parte in dialetto siciliano, il mio dialetto, e in questo dialetto ho scelto di far parlare anche Pina Menichelli. Si tratta di una scelta di fantasia, ispirata dai suoi natali. Non ci sono notizie della sua voce e del suo modo di parlare. Ritrovo e ricreo il mio dialetto in forma poetica, un dialetto musicale ed è così che lo utilizzo nel testo al di là della comprensione letterale, un dialetto, quello della provincia di Messina , che in modo più viscerale mi dà modo di esprimermi in maniera più autentica, di dare un’umanità a questo personaggio di cui abbiamo scarse notizie, che scelse volontariamente di distruggere ogni traccia della propria carriera. Ereditiamo tutto il patrimonio artistico del passato, siamo figli d’arte, tutti. Mi riapproprio, della storia di un’artista e la faccio mia, riscopro l’amore per questo mestiere attraverso la sua storia, le ragioni della mia scelta, attraverso le sue ragioni, quelle di una donna di ieri eppure emancipata, moderna, che si sposa due volte ed è manager di sé stessa. Una riflessione a fine spettacolo, lascia un finale aperto, oggi la condizione dell’attore sembra per certi versi essere ritornata quella di allora, tra precariato e scarsa considerazione. Vale la pena di continuare a fare questo mestiere? Un interrogativo che mi pongo, in un momento storico difficile in Italia, in cui non si hanno prospettive, tra tagli alla cultura e alla scuola, e decidere di avere un figlio oggi, diventa una scelta difficile, per molte donne precarie come me. Come Pina Menichelli donna e attrice di allora, ho scelto il mestiere come vocazione, ho vissuto la maternità, un momento difficile, di passaggio, il mio ritorno alla scena e molti altri momenti descritti in questo spettacolo coincidono con il mio percorso personale, il vissuto di molte donne artiste di oggi e di ieri. In un certo senso con questo spettacolo riporto alla luce questa artista dimenticata, così mi piacerebbe portare alla luce dei luoghi o edifici o teatri chiusi , dimenticati o poco conosciuti. Virtualmente, di volta in volta ogni replica sarà dedicata ad uno di questi. Idealmente una riscoperta/riappropriazione dei luoghi, così come riscopro e mi riapproprio della storia di questa grande diva del passato”

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti