S. Taormina, Coppa: “Siamo la sorpresa, ma nessuno in città ne parla”

Marco Coppa, allenatore Sporting Taormina

Vuole continuare a stupire lo Sporting Taormina, che dopo il sofferto 3-2 al Catania S. Pio X si trova in testa alla classifica a punteggio pieno dopo 3 giornate. Tutte vittorie sofferte ma meritate quelle dei ragazzi di mister Marco Coppa, autentica matricola terribile di questo torneo d’Eccellenza. Nonostante ciò il tecnico taorminese continua a volare basso, ma è ben consapevole che questi successi non sono certo frutto del caso: “Volevamo essere la sorpresa e ci siamo riusciti, stiamo mettendo fieno in cascina per il vero obiettivo della stagione che è e resta la salvezza, questo è bene tenerlo a mente. In questo momento non possiamo ambire ad altro, quindi godiamoci questo momento speciale che ci sta consentendo di sognare”.

L'esultanza dello Sporting Taormina

L’esultanza dello Sporting Taormina

Se lo Sporting Taormina si trova lassù è anche perché si è creata la giusta amalgama tra giovani di belle speranze e giocatori navigati. Mix perfettamente rappresentatio dal bomber Ancione, già a quota 4 centri in campionato: “L’arrivo di ragazzi come Riccardo ci ha consentito di alzare la personalità della squadra – ha sottolineato il tecnico – oltre a lui abbiamo altri 3 o 4 elementi che sono di assoluto valore. Poi ci sono i giovani e è giusto che ci siano, società come la nostra devono basarsi sui ragazzi e sulle loro qualità”.

Nonostante il momento magico, la città continua a rispondere con freddezza: “Purtroppo questo è il tasto dolente – ha dichiarato il mister – il presidente Castorina sta facendo degli sforzi enormi per mantenere la squadra ad alti livelli migliorando anno dopo anno. Credo che meriti più rispetto, la città ancora non risponde come si deve e questo mi dispiace sia per i ragazzi che per la nostra dirigenza”.

Sporting Taormina

Una formazione dello Sporting Taormina

Insieme ai ragazzi di Coppa, a punteggio pieno si trova anche il Troina e appena due lunghezze sotto il Rocca di Caprileone. Siamo ancora all’inizio, ma i pronostici d’inizio stagione sono stati completamente sovvertiti: “Il Troina già in coppa mi fece un’ottima impressione, io l’ho indicata fin da subito come una delle possibili soprese – ha continuato – credo che 270 minuti siano pochi per poter tirare un giudizio definitivo. Alla lunga gli equilibri verranno fuori e vedremo squadre come l’Acireale, l’Igea Virtus e la Sicula Leonzio giocarsi la promozione anche se non credo ci possa essere una battistrada”.

Commenta su Facebook

commenti