Rullo: “So di poter dare di più. Condannati da un episodio”

Erminio Rullo

Al debutto con la maglia del Messina sperava di “brindare” subito ai tre punti. Per Erminio Rullo, che ha trovato posto dall’inizio sulla corsia di sinistra, è stata comunque la fine del tunnel, dopo una prima parte di stagione trascorsa a Lecce in naftalina. “Mi aspettavo un risultato migliore, oggi ci tenevamo tutti centrare il successo. Abbiamo dato il massimo e siamo stati puniti da un episodio: dispiace sia andata così. Nella ripresa alcuni hanno accusato dei problemi fisici ed è subentrata un po’ la paura di vincere, mentre la Paganese è avanzata per cercare di trovare il pareggio. Alla fine non ricordo altre occasioni costruite da loro, a parte il gol maturato su calcio d’angolo”.

La gioia del Messina al gol dell'1-0

La gioia del Messina al gol dell’1-0

Il mancino era di fatto assente in campionato dal turno inaugurale, quando con i salentini affrontò la Lupa Roma. Poi un lungo periodo ai margini, prima del trasferimento al Messina. “Sono molto autocritico e so di poter dare di più. Venivo però da tre mesi e mezzo senza praticamente giocare, dunque a livello fisico ritengo sia andata abbastanza bene”.

Le due trasferte di fila, a Caserta e Lecce, non fanno adesso dormire sonni tranquilli ai giallorossi. “Le partite non si vincono sulla carta – ammonisce Rullo – bisogna sempre giocarle sul campo. Con il Lecce, ad esempio, nella prima parte di torneo abbiamo perso tanti punti proprio contro le piccole. L’attenzione contro la Paganese è stata massima, ma sul gol dell’1-1 un nostro difensore è scivolato ed ha inciso anche un po’ di sfortuna. Come squadra dobbiamo comunque lavorare ancora di più in settimana per evitare di commettere anche i minimi errori, consapevoli che oggi ci ha condannato un episodio”.

Commenta su Facebook

commenti