Ripescaggio in Serie D, 19 richieste in totale. C’è la Sancataldese

LndIl logo della Lnd

La Lega Nazionale Dilettanti ha fatto il punto sulle domande di ripescaggio presentate per partecipare al prossimo campionato di Serie D. Sono 19 in tutto le società che hanno avanzato la propria istanza presso gli uffici romani, insieme alla relativa documentazione ed ai versamenti già effettuati come previsto dalle norme federali.
Unica siciliana in elenco è la Sancataldese, che ha buone probabilità di accedere al campionato, prendendo di fatti il posto di un Noto che sembra sempre più vicino alla scomparsa. Grande assente è invece il Marsala, che perde una ghiotta occasione nonostante gli annunci della società.

Tornando all’ammissione in quarta serie, per regolamento avranno la priorità gli otto sodalizi retrocessi al termine dell’ultima stagione, attraverso i play-out o con un distacco pari o superiore agli otto punti, che hanno presentato la propria “candidatura”. Si tratta di Serpentara, Picerno, Budoni, Caravaggio, Fiorenzuola, Liventina, Scandicci e Vivi Alto Tevere, che sono praticamente certe di tornare subito nella categoria abbandonata a maggio.

Seguono le perdenti degli spareggi tra le seconde classificate, al termine dello scorso campionato di Eccellenza. Le quattro candidate sono San Donato Tavernelle, Altamura, Vigasio e Sancataldese.
Si aggiungono le squadre retrocesse direttamente dalla D, ovvero Astrea, Clodiense ed Aprila ed infine altre società del campionato di Eccellenza: Isola Capo Rizzuto, Montevarchi, Molfetta e Fregene.

Commenta su Facebook

commenti