Promozione, Il Pistunina si gode l’ammazzagrandi Ingemi: “Ho trovato l’ambiente ideale”

da sinistra Ciccio Ingemi, assieme al compagno e amico Angelo Angrisani (scatto di R.S.)
da sinistra Ciccio Ingemi, assieme al compagno e amico Angelo Angrisani (scatto di R.S.)

da sinistra Ciccio Ingemi, assieme al compagno e amico Angelo Angrisani (scatto di R.S.)

Settimana all’insegna dell’entusiasmo in casa del Pistunina. L’entusiasmante successo interno in rimonta per 3 a 2 sul Città di Milazzo ha restituito fiducia e morale a mille alla squadra di Miano reduce da due sconfitte di fila. Un bel toccasana, in vista della parte finale di regular season nella quale cercherà di guadagnarsi un posto nei play-off. I rossoneri, quinti in graduatoria, nel girone B di Promozione si apprestano ora alla trasferta con il Castelbuono 1975, avversario molto temuto e rispettato a dispetto dell’attuale posizione in bassa classifica.

Frattanto i riflettori di squadra e società messinese sono stati puntati sul fantasista classe ’91 Ciccio Ingemi, autore del terzo e decisivo gol sui mamertini grazie a una punizione capolavoro insaccatasi sotto l’incrocio. Il dover affrontare da avversario quei colori rossoblù, da lui vestiti nel Milazzo a livello professionistico, gli ha messo le ali ai piedi, sebbene lui non abbia alcun trascorso con l’attuale Città di Milazzo.

Ciccio Ingemi mentre batte una punizione nel secondo tempo di Pistunina-Santangiolese (scatto di R.S.)
Ciccio Ingemi mentre batte una punizione nel secondo tempo di Pistunina-Santangiolese (scatto di R.S.)

E così Ingemi ha sciorinato un’altra prestazione gagliarda, sino alla perla finale del gol-vittoria. Una storia infinita, quella tra Pistunina e Città di Milazzo affrontatesi ben 4 volte tra campionato e Coppa, con due successi a testa. I messinesi però erano reduci dal quattro a uno subìto mercoledì scorso al “Grotta Polifemo” che, dopo il 4 a 0 vittorioso ne aveva decretato l’incredibile eliminazione dalla Coppa Italia. “E’ stato un bene che il match di domenica scorsa sia venuto subito dopo quello di Coppa – esordisce Ingemi -. In questo modo ci siamo potuti presentare carichi e stimolati a mille. La nostra voglia di riscattarci è stata tale da permetterci di  sovvertire con veemenza le due reti di vantaggio del Città di Milazzo, che diversamente da noi ha avuto il torto di “sedersi”.

Il fantasista di scuola Camàro, con precedenti a Villafranca, Milazzo e nelle giovanili del Catania ai tempi di Lo Monaco, senza la fortuna che avrebbe meritato, è considerato ormai una sorta di ”ammazzagrandi” dato che le sue 8 reti stagionali sono arrivate tutte contro le dirette concorrenti in alta classifica. Andando più a fondo nell’esame del suo “score”,  tre di queste marcature sono arrivate su punizione, altrettante su azione e due su rigore. Ingemi può considerarsi il rinforzo stagionale più azzeccato in casa Pistunina: il tecnico Miano lo ha scoperto sul successo nel ruolo di fantasista libero di svariare, inventare e concludere tra le linee, lui che sinora aveva sempre giocato da esterno. “Il segreto della mia ottima stagione risiede nella tranquillità dell’ambiente del Pistunina. Grazie al sostegno di dirigenza, allenatore e compagni abbiamo la possibilità di lavorare senza assilli o pressioni, a prescindere dal risultati finali. E questo rappresenta l’ideale per potersi esprimere al meglio”.

Commenta su Facebook

commenti