Presentato il Cus Unime, pronto per l’esordio in A2

“Sono molto contento di trovarmi qui, perché presentando questa squadra possiamo dimostrare che il nostro è un sistema virtuoso, attraverso il quale viene sottolineata l’importanza dello sport e dei suoi valori”. Queste le dichiarazioni del rettore dell’Università di Messina Salvatore Cuzzocrea durante l’intervento alla conferenza stampa di presentazione della formazione di pallanuoto maschile del Cus Unime, che parteciperà al campionato di serie A2.

“Sono certo che in questa stagione – prosegue il rettore – potremo raggiungere traguardi ancora più importanti e far conoscere a tutta Italia questo modello. Con i ragazzi, il coach è riuscito a fare un “miracolo sportivo”, ottenendo da loro il massimo, innanzitutto dal punto di vista umano. Sei di loro, inoltre, sono studenti del nostro ateneo e questo, sperando se ne possano aggiungere anche altri, ci fa enormemente piacere”. Ad introdurre l’incontro è stato Daniele Bruschetta, delegato alle attività sportive d’ateneo: “Per me è un momento molto emozionante perché nel corso di questi anni ho vissuto i vari step, dai momenti di gioia a quelli più difficili. Stiamo presentando quello che rappresenta il culmine di un processo iniziato da diverso tempo, durante il quale le varie governance hanno sempre creduto nello sport in tutte le sue componenti, compreso quello amatoriale e quello dedicato ai diversamente abili. Questo lo dobbiamo anche al supporto del rettore, senza il quale non potremmo sostenere impegni così gravosi”.

Un momento della conferenza stampa

“Vorrei innanzitutto ringraziare i ragazzi che hanno contribuito a centrare questo obiettivo – queste le parole del presidente del Cus Unime Nino Micaliè stata una rincorsa partita quattro anni fa, ma la chiave di volta lo troviamo nel match di Pescara durante i playoff di due stagioni fa, una sconfitta controversa ottenuta non per nostri demeriti. Lì ci siamo ripromessi che l’anno successivo avremmo vinto e così è stato, senza alcuna sconfitta. La città ed i nostri sponsor spero che ci stiano sempre più vicini perché la A2 è molto impegnativa e presuppone un grande sforzo da parte di ognuno, dall’Università all’Amministrazione comunale fino agli imprenditori locali”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è l’assessore allo Sport, Pippo Scattareggia, che ha rappresentato il Comune : “Conosco come operano Micali e Naccari e non posso che complimentarmi con loro, con l’Università e con i pallanotisti che hanno il compito portare più in alto possibile il nome della città, perché siamo consapevoli che rappresentano non solo l’Università, ma Messina in giro per la Penisola”. Ha chiuso l’incontro mister Sergio Naccari: “Disputare l’A2 è un impegno molto gravoso; noi abbiamo dimostrato di saper fare bene. Dobbiamo essere compatti; sarà un’annata non semplice, nella quale dovremo essere bravi a sopportare anche i momenti più difficili. Il torneo è complicatissimo, secondo gli addetti ai lavori uno dei più belli e competitivi degli ultimi dieci anni, con tanti top player ed ex olimpionici scesi dall’A1 per ottenere la promozione. Anche noi ci siamo attrezzati al meglio e giocheremo ogni partita con il coltello tra i denti, a partire da sabato alla Cittadella, quando avremo l’esordio contro Salerno. Per i sogni si vedrà”.

Organico: Giuseppe Spampinato, Cesare Russo, Fabrizio Maiolino, Andrea Vinci, Enrico Provenzale, Andrea Condemi, Raffaele Cusmano, Enrico Giacoppo, Giorgio Ambrosini, Ludovico Sacco, Filip Klikovac, Daniele Parisi, Samuele Spizzica, Federico Di Mauro, Daniele Bonansinga. Allenatore in seconda Francesco Naccari. Dirigente Fabio Rappazzo. Medico sociale Antongiulio Bruschetta.

Commenta su Facebook

commenti