Pantè: “Non possiamo nasconderci”. Trimarchi: “Questa Igea avrebbe battuto chiunque”

Igea VirtusL'Igea Virtus in festa: centrata la finale playoff (foto Puccio Rotella)

A due punti dalla vetta. L’Igea Virtus rafforza il quarto posto e adesso sogna dopo la vittoria per 4-2 sul campo della Cittanovese, in una giornata che ha visto Troina e Vibonese bloccate sul pari rispettivamente da Messina e Gelbison. Squalificato Peppe Raffaele, in panchina è andato il vice Mario Pantè che nel post-partita ha parlato anche della prossima sfida con la capolista Troina che sarà ospite al “D’Alcontres”: “Sicuramente prepareremo la gara nel migliore dei modi. Continueremo sempre su questo binario, cercando di arrivare domenica al top. Non ci nascondiamo, non siamo a livello di altre squadre, ma col lavoro stiamo dimostrando di potercela giocare con tutte fino all’ultimo”.

Il prof. Trimarchi con il tecnico igeano Peppe Raffaele

Il preparatore Francesco Trimarchi ha poi commentato: “Nel primo tempo non c’è stata partita, è stata una delle nostre migliori prove di quest’anno a livello tecnico-tattico. Ad inizio secondo tempo abbiamo avuto due chances per chiuderla definitivamente, invece poi la Cittanovese ha trovato il 2-1 ed ha preso coraggio, cominciando a pressarci. Questa domenica, però, l’Igea Virtus avrebbe vinto con chiunque, c’erano la voglia e la determinazione giuste. In classifica siamo lì e a questo punto ce la giocheremo, ma rispetto a formazioni come la Vibonese siamo costruiti per obiettivi diversi. La squadra atleticamente sta dimostrando di non essere da meno delle altre, non ci possiamo nascondere, abbiamo paura solo di noi stessi. Kosovan? Ora ha maggiore minutaggio, aveva giocato pochissimo in Ucraina. Si è subito ambientato bene nel gruppo”.

The following two tabs change content below.
Redazione Messina Sportiva

Redazione Messina Sportiva

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com