Panarello (VIDEO): “Sosta troppo lunga. A Noto dovremo evitare cali di tensione”

Panarello discute con il direttore di gara (foto Giovanni Isolino)
Panarello discute con il direttore di gara (foto Giovanni Isolino)

Panarello discute con il direttore di gara (foto Giovanni Isolino)

Il Città di Messina è stato costretto ad uno stop forzato di due settimane. Dopo la domenica di sosta imposta dalla concomitanza con il Torneo di Viareggio, nel quale era impegnata la Rappresentativa di categoria, i peloritani hanno dovuto osservare un altro week-end di riposo per via della rinuncia del Ragusa, ormai escluso dal torneo. Aggiunti quindi altri tre punti alla graduatoria, che fanno il paio con quelli ottenuti grazie al successo nel derby di Capo d’Orlando.

La squadra del presidente Elio Conti Nibali nel frattempo prosegue la preparazione. Nonostante la vittoria a tavolino contro il Ragusa, per la radiazione degli iblei, il tecnico Antonino Panarello non è certo particolarmente felice per il periodo di inattività: “Abbiamo ottenuto i tre punti a tavolino, ma restare così tanto fermi non è l’ideale. Dopo l’ultimo successo non ci voleva proprio una sosta così prolungata. Una settimana poteva essere utile a recuperare qualche infortunato, ma due sono davvero troppe. Mi dispiace sinceramente per il Ragusa. Ha una storia importante alle spalle ed il suo caso dimostra come il calcio italiano stia attraversando un periodo di crisi sulla falsariga di tutto il Paese. Avrei preferito giocare la partita e vincerla sul campo”.

Il senegalese Modou Seck in azione (foto Giovanni Isolino)

Il senegalese Modou Seck in azione (foto Giovanni Isolino)

Il calendario è particolarmente impegnativo dal momento che i peloritani dovranno conquistare i punti utili per evitare la retrocessione contro formazioni che occupano il vertice della graduatoria o collettivi in lotta per centrare i play-off o la permanenza diretta: “I ragazzi stanno comunque lavorando bene ed il mio compito è quello di tenere alta la concentrazione in vista della gara di Noto che occorrerà affrontare con le giuste motivazioni”.

Sull’affermazione del “Micale”, che ha interrotto un lunghissimo digiuno, e sul proseguo di torneo Panarello aggiunge: “Abbiamo condotto il match sempre noi, anche in parità numerica. Dal gruppo ho avuto le risposte che volevo, la squadra è stata molto aggressiva. La vittoria è sempre la migliore medicina, ora non dobbiamo però fermarci, ma pensare che ci sono altre dodici partite per raggiungere la salvezza. Nel girone di ritorno si vede tutto un altro campionato, ogni formazione ha il proprio obiettivo e tutte le gare sono ardue. Con un pizzico di concentrazione in più in alcuni frangenti oggi avremmo avuto una migliore classifica, ma occorre guardare avanti e non pensare al passato. Sono contento di quello che stanno facendo i ragazzi, ce la possiamo giocare con tutti. Il mercato? Se dovesse ancora arrivare qualcuno sarebbe comunque ben accetto”.

Questa l’intervista video al tecnico del Città di Messina Antonino Panarello:

Questa l’intervista video al difensore del Città di Messina Emanuele Frassica:

Commenta su Facebook

commenti