Pallavolo Messina ridimensionata dallo scontro con lo Sciacca

La Pallavolo Messina si carica prima del via

Niente da fare per la Pallavolo Messina. I messinesi speravano di tornare da Sciacca con dei punti utili per il prosieguo del campionato di serie C ed, invece, sono costretti a guardare la classifica ed a mangiarsi le mani. Mister Trimarchi è obbligato a rinunciare a Michele Mastronardo, uscito malconcio dall’ultima partita, e lancia dal primo minuto il giovane Gianluca D’Arrigo (buona la sua prestazione). Per il resto stessa formazione dell’uscita precedente.

Mister Trimarchi, tecnico della Pallavolo Messina

Mister Trimarchi, tecnico della Pallavolo Messina

L’inizio è confortante per gli ospiti: seguendo alla lettera le indicazioni provenienti dalla panchina, i giallorossi riescono a mettere in crisi i padroni di casa ed a dettare il ritmo del gioco. A complicare i piani questa volta ci pensa una ricezione veramente poco efficiente. I peloritani restano bloccati in più rotazioni e nonostante provino con tutte le armi a disposizione a rimontare lo svantaggio, soccombono nel primo parziale per 25-20. Si torna a giocare e l’obiettivo di Degli Esposti e compagni è alzare le percentuali in ricezione e provare a sfruttare al meglio il gioco dal centro. Anche nella seconda frazione i giallorossi sembrano recepire bene le indicazioni, ma come nelle partite precedenti, si ripresentano gli errori che fino ad ora hanno condizionato il campionato giallorosso. Errori gratuiti in attacco ed in contrattacco fanno si che Sciacca riesca a portarsi sul 2-0.

Accumulato lo svantaggio, la Pallavolo Messina prova ad avere una reazione ma si capisce che la giornata è nera anche quando Sciacca cambia buona parte della formazione titolare, ma i rivali non riescono a sfruttare i regali concessi andando a perdere ai vantaggi anche il terzo parziale. Nonostante l’umore non certo dei migliori, c’è ora da rimboccarsi le maniche e risalire la china. Il tutto si potrà ottenere solamente compattandosi ancora di più e provando ad avere una continuità di gioco che fino ad ora è sempre mancata.

Commenta su Facebook

commenti