Pallacanestro Messina-Comiso sospesa per furto! Vittime i due arbitri

basket serie DLa Nuova Pallacanestro Messina in azione (foto Nicita Mauro)

La sfida tra Nuova Pallacanestro Messina e Olympia Comiso entrerà di diritto nella storia. Dopo una pausa forzata protrattasi per ben ottanta minuti, la gara valida per la sedicesima giornata del girone Sud della serie D è stata definitivamente sospesa. Per l’infortunio di qualche giocatore o le intemperanze del pubblico? No, più semplicemente per un furto

Nel corso del primo tempo, infatti, ignoti si sono introdotti negli spogliatoi del PalaRussello di Gravitelli, sottraendo documenti e oggetti personali, smartphone compresi, ai due direttori di gara, Angelo Mucella di San Filippo del Mela e Davide Squadrito di Spadafora.

Messina

Una fase della sfida tra Messina e Comiso (foto Omar Menolascina)

Nell’intervallo, una volta appurato il furto, gli arbitri hanno prontamente avvertito le forze dell’ordine, per sporgere denuncia. Nel frattempo, i due hanno posticipato la ripresa della gara, poi definitivamente sospesa. Sul parquet andava peraltro in scena un autentico big-match per la categoria, che metteva di fronte la capolista Olympia Comiso e la Sicily Express Courier Messina, una delle sue più accreditate inseguitrici, distante quattro punti in classifica.

I ragusani erano giunti alla pausa più lunga, quella tra secondo e terzo quarto, avanti di dieci lunghezze, sul punteggio di 49-39. Gli ospiti non avevano però probabilmente immaginato che i loro sforzi sarebbero stati vanificati da qualche malvivente. Ovvia l’incredulità sugli spalti, per un episodio che chiaramente non è previsto neppure dai regolamenti.

Squadra Mobile

La Squadra Mobile della Polizia ha già arrestato un 30enne per furto al PalaTracuzzi

In realtà, un poco edificante precedente a Messina si era già registrato lo scorso 14 gennaio, quindi appena tre settimane fa. In quel caso, i poliziotti della Squadra Mobile, unitamente ai colleghi delle Volanti, hanno arrestato in flagranza di reato Antonio Paratore, pregiudicato messinese di 30 anni, sorpreso mentre stava asportando effetti personali dallo spogliatoio del PalaTracuzzi, durante lo svolgimento di un’altra partita di pallacanestro.

Il malvivente aveva già rubato due telefoni cellulari e 135 euro in denaro, custoditi all’interno delle borse e dei giubbotti dei giocatori, quando sono intervenuti sul posto gli agenti, avvertiti da alcuni atleti che avevano scoperto il fatto. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, per Paratore – chiamato a rispondere di tentato furto aggravato – vennero disposti gli arresti domiciliari, mentre la refurtiva venne riconsegnata ai legittimi proprietari. A Mucella  e Squadrito, sfortunate vittime di un altro furto, non resta che sperare in un epilogo simile. Mentre sulla sicurezza e l’inviolabilità delle strutture sportive cittadine è probabilmente superfluo ogni commento.

Messina

Mentre Messina e Comiso erano protagoniste sul parquet, ignoti in azione negli spogliatoi… (foto Omar Menolascina)

Nuova Pallacanestro Messina-Olympia Basket Comiso sospesa sul 39-49 
Nuova Pallacanestro Messina: Diallo 3, Scarlata 4, Comelli, Pizzuto, Albana 2, Caroè 7, Molino, Gugliotta 2, Stuppia 18, Migliorato, Caruso 3. All. Pizzuto.
Olympia Basket Comiso: Celesti 6, Rosano, Boiardi 15, Bha, Savarese 15, Romeo, Palazzolo A. 2, Palazzolo D. 3, Susino 2, Russel 6. All. Ceccato.
Arbitri: Mucella e Squadrito.
Parziali: 20-22; 39-49.

Commenta su Facebook

commenti