Orlandina, Sodini: “Dobbiamo sacrificarci per cambiare il trend della stagione”

BenfappMarco Sodini guida una Benfapp stellare

Settima sconfitta consecutiva per l’Orlandina Basket, che cade 81-77 a Latina, contro l’Eurobasket Roma. Calssifica deficitaria: ultimo posto in classifica in condominio con Bergamo per i paladini. Queste le parole di Marco Sodini a fine gara: «Non sono gli sprazzi che ci interessano, ci interessa il percorso. Il percorso oggi subisce dei rallentamenti, era abbastanza normale che ci fossero delle difficoltà di ambientamento vista la prima partita di Marco Laganà con la squadra e Jacopo al rientro. Questo non vuol dire che si non debbano affrontare certe partite con l’idea di sbucciarsi le ginocchia, di soffrire, di lottare insieme, cosa che secondo me abbiamo fatto molto poco. I 22 punti del secondo quarto e i 25 del quarto periodo dicono che abbiamo deciso di provare a vincerla con l’attacco.
I 43′ giocati da Mobio e Donda, con un rimbalzo complessivo la dice lunga su quella che è la loro attività a rimbalzo: Brice Johnson di conseguenza ha poche possibilità di essere sostituito e continua clamorosamente a subire i centri avversari. Detto questo è chiaro che il nostro è un processo che ha bisogno di accelerare e di farlo in fretta, perché così facendo il risultato è che oggi siamo ultimi.
Non abbiamo giocato la partita con la consapevolezza di essere ultimi se l’avessimo persa e questa è una cosa su cui, non soltanto riflettere, ma agire tempestivamente. I ragazzi oggi l’hanno presa per come non dovevano prenderla, chiaramente la responsabilità complessiva la prendiamo come squadra, però è altrettanto vero che se vogliamo cambiare il trend della stagione dobbiamo partire dal sacrificio e non da qualcosa di diverso.»

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti