Morelli: “Bravi a non subire. Capuano studia i particolari, classifica bugiarda”

MessinaL'ingresso in campo del Messina (foto Paolo Furrer)

Tra gli elementi maggiormente valorizzati dal cambio di modulo voluto dal nuovo tecnico Capuano c’è sicuramente l’esterno Gabriele Morelli, che ha commentato in sala stampa la sfida pareggiata con la Vibonese: “Una partita un po’ maschia, forse brutta da vedere. Siamo stati bravi a non prendere gol: dopo averne subiti tanti abbiamo tenuto la porta inviolata. Non siamo riusciti a farlo, sarebbe stato importante. Il campo? Ha influito ma se ti prepari bene e non sbagli le scarpe non ci sono problemi particolari”. Alcuni compagni però hanno toppato la scelta e l’argomento ha tenuto banco nel post-gara.

Eziolino Capuano

L’ingresso in campo di Eziolino Capuano (foto Paolo Furrer)

Il 3-5-2 lo ha portato ad agire in posizione più avanzata: “Ho sempre fatto il quarto, posizione che ti costringe a restare un po’ più dietro, e il quinto, che ti consente di stare più in alto e chiudere l’azione come sul gol di Potenza. Lavoriamo tanto sotto l’aspetto mentale anche se in fondo lo facciamo da poco con il nuovo allenatore, che sta attento a tutti i minimi particolari”.

Dopo avere trovato un avversario che ha difeso con attenzione il punto a Messina è in programma l’ennesimo spareggio, contro una delle principali delusioni stagionali, caduta anche a Monopoli, dopo il cambio di allenatore:Iniziamo subito a lavorare per la Juve Stabia, un’altra partita importantissima. Sarà un’altra battaglia a Castellammare. La C è questa, le squadre lottano anche per un punto fuori casa. Dobbiamo essere bravi a fare lo stesso e metterci qualcosa in più per fare risultato. Siamo una grande squadra e non meritiamo questa classifica”.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma