Modica: “A Gela gara insidiosa. Grande consapevolezza, ma attenti all’eccessiva euforia”

Giacomo ModicaGiacomo Modica in conferenza stampa

La gara di Gela rappresenta per il Messina un crocevia fondamentale nella rincorsa alla zona playoff. Il tecnico giallorosso Giacomo Modica ha spiegato in conferenza stampa le insidie della sfida del “Presti”: “Per me il Gela non è assolutamente in crisi, ha battuto la capolista Troina e a Vibo hanno fatto una grande partita, perdendo solo nel finale. Inoltre lì c’è un discorso ambientale particolare, da non sottovalutare. E’ una partita molto insidiosa, incontriamo una delle squadre che ad inizio stagione era data tra le favorite per vincere il campionato”.

Giacomo Modica

Il tecnico del Messina Giacomo Modica

Bonanno? I numeri e le qualità parlano per lui – aggiunge Modica sull’ex attaccante del Messina – è un ragazzo che sta facendo la differenza in questa categoria. Dovremo essere concentrati, potremo sbagliare poco, servirà attenzione. Non c’è comunque il solo Bonanno, hanno anche Gallon, dietro sono strutturati bene, in mezzo al campo hanno qualità. Come delicatezza di partita si avvicina a quella di Nocera”.

Quale la ricetta per strappare i tre punti? “Non dovremo essere spavaldi, ma bravi a leggere le situazioni e a colpire nel momento giusto. Bisogna stare attenti all’eccesso di euforia. Meglio però vivere sognando in grande che nella tristezza. Sono convinto che col passare del tempo abbiamo acquisito grande consapevolezza”.

Inzoudine al debutto

In campo si rivederà lo stesso 11 della gara vinta nettamente contro la Cittanovese? “E’ probabile, ma sto valutando con grande attenzione i due dietro. La squadra può dare tanto, è insieme a me da tre mesi, il periodo giusto per costruire una base. Stanno giocando con allegria, mettendoci tutti grande dedizione. Ritengo che siamo in netta ripresa ed abbiamo grandi margini di miglioramento. Ci penalizza molto essere partiti ad handicap, ma dobbiamo cercare di non lasciare nulla di intentato. Con 14 gare da giocare ci sono 42 punti a disposizione, bisognerà saper gestire ogni situazione. Dobbiamo però sapere che le rincorse spesso si pagano”.

Yeboah avanza palla al piede

In prova da qualche giorno l’ex leccese Diamoutene, il cui tesseramento è ancora da valutare. “Stiamo vedendo tante cose, ha però grandissima esperienza ed è arrivato qui con umiltà. Ha suscitato grande interesse all’interno del gruppo. Tuttavia dovremo verificarne le condizioni fisiche, non eccezionali in questo momento. Non discutiamo il giocatore, che ha qualità alte, ma deve lavorare per mettersi alla pari con gli altri e poi eventualmente trovare l’accordo economico”.

La chiosa finale è per i sostenitori che seguiranno il Messina a Gela: “I tifosi ci sono stati sempre fedeli, dimostrando ancora una volta grande attaccamento e passione. Vanno premiati, sono lo zoccolo duro. Però mi spiace che siano sempre gli stessi, circa 700 o 800, a Messina non ero abituato a vederne così pochi. Sta a noi ricreare l’entusiasmo giusto e farli tornare accanto alla squadra”.

Commenta su Facebook

commenti