Modica: “Siamo a buon punto, serve la scintilla. Campilongo? Un lusso per la D”

Giacomo ModicaGiacomo Modica in conferenza stampa

Il Messina spera che sia la volta buona per conquistare i tre punti. Alla vigilia della sfida con la Vibonese, la seconda casalinga consecutiva, il tecnico giallorosso Giacomo Modica ha spiegato al “Celeste” in conferenza stampa: “Non giocheremo per il pareggio e la Vibonese farà lo stesso. Mi auguro di ottenere un risultato importante. Serve la scintilla, però siamo a buon punto, c’è voglia di lavorare e di sacrificarsi. Ora bisogna centrare i tre punti”.

Giacomo Modica

Modica in conferenza stampa

Da abbandonare c’è anche l’ultimo posto in classifica, arrivato paradossalmente nonostante la prova positiva di domenica scorsa: “Contro il Troina abbiamo offerto una buona prestazione, ora serve ritrovare l’autostima. Sono tutti pronti a dare il proprio contributo. Dobbiamo recuperare bene Cocuzza e Ragosta, giocatori straordinari, inoltre occorre lavorare sugli under perché lì abbiamo delle carenze. Dezai? Sa attaccare la profondità ma se gioca lui devo mettere un under, è il principio della coperta corta”.

Su Bossa, poi, aggiunge: “Può essere il vice Migliorini. E’ un ragazzo dolcissimo e con voglia di fare ma deve essere recuperato mentalmente. Questa è una piazza particolare che ti dà tanto e ti toglie anche tanto. Dobbiamo trovare un equilibrio in base agli under, abbiamo dei buoni giocatori ed è inutile tornare sulla costruzione della squadra. Sono comunque soddisfatto di come stiamo lavorando. Le tre partite in 8 giorni? Dovremo centellinare le forze” aggiunge il tecnico proiettandosi anche al turno infrasettimanale a Palazzolo e al successivo derby con l’Igea Virtus.

Messina

L’undici titolare del Messina che ha sfidato il Troina (foto Allone)

Gli errori in fase difensiva tra i principali difetti da correggere: “La difesa è un pacchetto della squadra. Stiamo peccando sulle palle inattive, perché questa squadra ha centimetri e può fare meglio. Dobbiamo eliminare il principio di attendere la palla. Marchiamo a zona, ma se stiamo fermi come birilli non c’è zona che tenga”. 

Infine, sulla Vibonese di Campilongo: “Conosco Sasà, ha avuto un percorso particolare. Non ha sfruttato al meglio le sue qualità e per questa categoria è un lusso perché sa insegnare calcio. Mi aspetto, dunque, di trovare una squadra organizzata. Il loro 5-0 contro il Paceco non mi preoccupa, perché se avessimo vinto 4-1 contro il Troina non ci sarebbe stato nulla da dire. Non so se la Vibonese giocherà come si dice, io vorrei vedere la mia squadra giocare bene”.

Commenta su Facebook

commenti