Il Mistretta vince in rimonta il recupero con L’Iniziativa

Vittoria pesante e di rimonta per il Mistretta che, nel recupero della 16esima giornata di Promozione, espugna il campo dell’Iniziativa San Piero Patti per 1-2. Il risultato, maturato interamente nella ripresa dopo un primo tempo a reti bianche, fa sorridere i cinici amastratini, che migliorano sensibilmente la loro classifica a spese dei giallorossi di casa, apparsi tonici ma poco precisi.

IMG_8064

Il saluto tra i due capitani

I primi minuti sono poco avvincenti, diversamente dal resto del match. Solo intorno al quarto d’ora di gioco va a taccuino un’occasione per parte. Prima Germanò innesca la proiezione offensiva di Crisafulli, con la manovra che parte bene ma non si concretizza in area, poi, sul lato opposto, Craccò vede la difesa alta e conclude ampiamente fuori dalla distanza. Al 17’ è Crisafulli a mettere a dura prova Nasca, grazie ad un tiro al volo su respinta della difesa. Il portiere vola e devia in angolo la bordata da 25m, diretta sul secondo palo, prima che il centrocampista ’97 abbandoni il campo per infortunio. Dopo la mezz’ora, L’Iniziativa trova una nuova occasione, chiusa ancora da Nasca. Serio verticalizza per Adamo, che non arriva sulla linea di passaggio, ma l’assist diventa un tiro comunque controllato dal numero uno biancazzurro.  Prima dell’intervallo Craccò finisce in fuorigioco su un passaggio aereo di Filetto, mentre Germanò piomba faccia a faccia con Nasca ma si fa tradire dal rimbalzo, troppo alto.

IMG_8108

Germanò controlla un pallone

Il secondo tempo si apre con gli applausi del pubblico per Nasca. A pochi secondi dall’inizio, Adamo scende sulla fascia e crossa per Germanò, che da pochi passi colpisce di testa e trova il miracolo del portiere. E’ il preludio al gol, che lo stesso Germanò segna due minuti più tardi. L’undici di casa riparte, palla a Sem Addamo. Un lancio al bacio libera Cristian Adamo, che parte palla al piede e crossa dal fondo. Germanò è in arrivo sul lato opposto e, a portiere battuto, è lesto ad insaccare. Il vantaggio dura però solo due minuti. Al 51’ Marandano tesse dalla corsia destra l’azione che porta al pari, con il cross diretto sulla testa di Castigliola. L’esterno, con tempismo perfetto, mette fuori dai giochi De Francesco, con uno stacco in diagonale che va in rete complice l’aiuto del palo. La reazione de L’Iniziativa è affidata a Merenda, autore di due conclusioni intorno all’ora di gioco. Prima il giovane centrocampista manca il palo per una questione di centimetri, con un bolide su respinta proveniente da una mischia, poi vede il proprio tiro a giro dalla distanza spegnersi tra le mani di Nasca.  Al 63’ un’incomprensione nella difesa giallorossa lascia Craccò clamorosamente solo, ma il suo colpo va sull’esterno della rete, mentre cinque minuti più tardi è lo stesso centravanti a segnare la rete decisiva. Calcio di punizione da 25m: si incarica della battuta Craccò, che con uno splendido tiro a giro beffa De Francesco a mezz’aria. Mistretta in vantaggio.

Il Mistretta festeggia il gol vittoria

Il Mistretta festeggia il gol vittoria

Due minuti più tardi la squadra di Giuttari resta in 10 uomini. La Rosa assegna una punizione proprio ai giallorossi e Germanò va a reclamare il pallone ad un avversario. L’arbitro giudica l’atto antisportivo, estraendo direttamente il cartellino rosso tra le polemiche dei dirigenti di casa. Sulla stessa punizione, Biondo, che colpisce fuori di testa, viene servito da Addamo, che ci riprova su simile occasione, mancando di poco la traversa. Nel finale le due squadre si fanno molto più imprecise al tiro, con l’ultima azione di pericolo in favore degli ospiti, quando, su tiro di Marandano, Giuttari devia sulla traversa e rischia l’autorete.

A fine gara, queste le dichiarazioni tra le due squadre. Nei confronti della terna è più che adirato il presidente de L’Iniziativa, Ivan Pintabona. “Questo non è calcio – afferma -. In un contesto dove regnano l’educazione ed il rispetto per l’avversario, non è possibile subire un comportamento della terna arbitrale come quello che si è visto oggi. Ritengo questo sia stato provocatorio ed aldilà di qualsiasi regolamento calcistico. La società è davvero amareggiata e delusa da queste situazioni, che si ripetono da settimane”.

Naturalmente entusiasta per il risultato, invece, il ds amastratino Massimiliano Melidone. “Sono soddisfatto in pieno. Vincere non era assolutamente facile –dice-. Sono tre punti pesanti, che ci avvicinano alla salvezza. Il primo tempo è stato equilibrato, con noi a giocare di rimessa e Nasca determinante. Poi, paradossalmente, ci siamo svegliato dopo aver subito gol. Ho visto una squadra che non ha mollato e che ha creduto fino in fondo nella vittoria”.

L’Iniziativa San Piero Patti 1-2 Mistretta

Marcatori: 48′ Germanò, 51′ Castigliola, 68′ Craccò

L’Iniziativa (4-4-2): De Francesco, Masi, Curasì (92′ Cappadona), Merenda, Giuttari, Spinella, Crisafulli (20′ Addamo), Biondo, Germanò, Adamo, Serio. All. Giuseppe Giuttari

Mistretta (4-4-2): Nasca, Di Lorenzo, Catanzaro, Arno, Filetto, Marandano, Castigliola, Di Carlo, Craccò, Paone, Falanga. All. Gianfranco Melidone

Arbitro: Antonino La Rosa di Barcellona Pozzo di Gotto. Assistenti: Salvatore De Pasquale e Lorenzo Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto.

Note: Recupero 16esima giornata. Ammoniti: Addamo, Spinella (I) Nasca, Falanga, Di Lorenzo. Espulso: Germanò (I) al 70′ per condotta non regolamentare.

Recupero: 1 pt, 5 st

Angoli: 5-1

The following two tabs change content below.
Enzo Cartaregia

Enzo Cartaregia

Cronista sportivo da sempre, in MessinaSportiva da ancor prima. Cresciuto sui campi di calcio, si dedica anche all'approfondimento ed alla pallacanestro

Commenta su Facebook

commenti