Milazzo, La Spada: “C’è entusiasmo, siamo consapevoli dei nostri mezzi”

MilazzoL'undici titolare del Milazzo che ha sconfitto l'Aci Sant'Antonio

La sensazione è che il bello debba ancora venire. Quella che il Milazzo si è lasciato alle spalle è stata la settimana perfetta. I successi a Siracusa e in casa dell’Aci S. Antonio sono valsi rispettivamente l’accesso alle semifinali di Coppa Italia e tre punti che rafforzano il secondo posto in classifica. Aver inferto la prima sconfitta alla capolista non cambia le prospettive in chiave primo posto. Le otto lunghezze di vantaggio che l’Aci S. Antonio conserva sui mamertini sono un bottino considerevole, ma le due imprese hanno creato un forte entusiasmo in tutto l’ambiente rossoblù, che adesso si ritrova in corsa per la promozione sia sul fronte playoff che su quello della coppa.

Pietro La Spada ha suonato la carica per il Milazzo

E’ vero che certe volte troppo entusiasmo può essere controproducente, ma per Pietro La Spada questo gruppo è ormai maturo per poter affrontare qualsiasi sfida: “Credo che i successi a Siracusa e con l’Aci S. Antonio siano stati meritati – ha dichiarato il centrocampista – ci hanno ripagato dei numerosi sforzi fatti nel corso della stagione. Queste vittorie non devono rappresentare un punto d’arrivo ma un punto di partenza. E’ inutile nasconderci, il nostro obiettivo è arrivare in Eccellenza, lavoriamo da luglio per raggiungere questo risultato e vogliamo ottenerlo con tutte le nostre forze”.

La squadra, inoltre, con le ultime gare ha dimostrato di saper ben gestire il doppio impegno: “Ci siamo preparati per arrivare a questo punto della stagione al massimo della condizione. Siamo un gruppo coeso e si vede, chi ha giocato meno dà il massimo ogni volta che viene chiamato in causa. Non arrivi a certi risultati se non c’è l’aiuto di tutti. Adesso stiamo bene fisicamente, ma l’entusiasmo dovuto ai risultati positivi ti aiuta anche a non sentire la stanchezza. Affronteremo sfide complicate, la Coppa Italia e i playoff sono uno scoglio duro, ma vogliamo arrivare in finale e blindare il secondo posto”.

Alle porte c’è una sfida delicata contro una Messana in salute, reduce da quattro risultati utili consecutivi e che non subisce gol da 270 minuti. Il Milazzo, però, vuole vincere davanti ai propri tifosi, che nella prima parte della stagione hanno visto Matinella e compagni perdere punti in gare abbordabili, almeno sulla carta: “Penso alle partite col Viagrande, ma anche quella col Calatabiano – ha sottolineato La Spada – gare giocate in casa contro squadre che lottano per salvarsi, ma che ci hanno imposto il pari. Abbiamo perso tanti punti che ci hanno precluso la possibilità di poter lottare per la promozione diretta. La Messana che verrà al “Salmeri” è in salute, viene da quattro risultati utili consecutivi, ha pareggiato contro Atletico Messina e Motta che sono due signore squadre. Noi non abbiamo alcuna intenzione di interrompere questo momento positivo, sappiamo che affrontiamo una squadra tosta, ma ci sentiamo bene e se giochiamo come sappiamo siamo in grado di battere chiunque”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva