Milazzo, ingaggiati Bertino, Rasà e Cannavò

Igea Virtus-Milazzo"Non tifo per gli squadroni ma tifo te": lo striscione dei tifosi del Milazzo

La S.S. Milazzo ha perfezionato il tesseramento dei calciatori Nicolò Bertino, Rosario Rasà ed Antonio Cannavò. I primi due, provenienti dal Torregrotta e l’attaccante in uscita dall’Igea Virtus faranno parte della roster rossoblù per la prossima stagione sportiva.

Torregrotta

Bertino con la maglia del Torregrotta

Bertino, classe 1992, è un centrocampista che si esprime al meglio se posizionato davanti la difesa. Cresciuto nelle giovanili del Villafranca,  ha esordito in Promozione con la stessa società. Negli ultimi due anni è stato un giocatore  del Torregrotta sotto la guida di Giannicola Giunta, raggiungendo la piena maturità calcistica e meritando la chiamata del Milazzo.

Sono felice – dichiara Bertino – di essere stato scelto da questa squadra e parto con grande fiducia. E’ la prima volta che mi affaccio all’Eccellenza, quindi ho l’entusiasmo necessario per vincere questa sfida. Tutto mi convince di questo progetto: le battute scambiate col presidente, l’incontro col direttore, il mister ed anche i miei nuovi compagni, tutti calciatori di ottimo livello. I presupposti per una stagione positiva ci sono tutti”.

Igea Virtus-Milazzo

Cannavò a lottare per la sfera

Cannavò, nato anche lui nel ’92, è invece un attaccante dinamico, bravo a svariare su tutta la metà campo avversaria e fungere da mina vagante negli ultimi sedici metri, a prescindere dallo schieramento tattico. Lo scorso anno è stato il terzo marcatore del campionato di Eccellenza, andando a segno 19 volte, spesso in momenti decisivi, con la maglia dell’Igea Virtus. Nelle due stagioni precedenti “Il Gallo” ha segnato 13 gol con il Rocca di Caprileone ed ancora 14 con la casacca barcellonese.

Ho scelto Milazzo – rivela Cannavò – perché è proprio la piazza che cercavo. Qui ci sono gli stimoli giusti per far bene e le condizioni per rimettersi in gioco, anche in una sfida difficile come quella che ho ingaggiato personalmente. Nella vita, la cosa difficile, più che far bene, è ripetersi. Io voglio continuare a far bene, così come penso sia successo in questi anni. Il presidente Cannistrà, tornato qui da vincente, sta costruendo un ottimo gruppo e sono certo che mi troverò bene in questo contesto”.

Torregrotta

Rasà difende la sfera

Rasà, classe 1991, è al suo ritorno nella città del Capo. Cresciuto nelle giovanili del Milazzo di Cannistrà, ha svolto il suo mestiere di finalizzatore anche nel Città di Milazzo, in Promozione, nella stagione 2013-14. Prima punta atipica, Rasà ama far salire il baricentro della propria formazione, lavorando bene in area di rigore grazie all’intesa con tutti i compagni del pacchetto avanzato. Capocannoniere del campionato di Promozione negli ultimi due anni, ha segnato 26 gol per il Torregrotta, 20 per lo Sporting Taormina ed altrettanti con quel Milazzo del patron Salvatore Costantino.

Sono contento – dice Rasà – di essere tornato qui, dove tutto era cominciato. E’ un piacere seguire il mister, di cui condivido la mentalità: voglia e “fame” devono andare di pari passo per portare a dei risultati. Milazzo è una piazza importante, che ha bisogno di tornare ad alti livelli e questa ricetta sarà efficace. Darò il massimo per continuare sulla scia di vittorie e gol che ho costruito in questi anni”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com