Messina, con il Foggia altro esame. Scelte forzate per Grassadonia

Grassadonia

Dimenticata in fretta la sfortunata gara di Coppa giocata a Salerno il Messina punta a dare continuità agli ultimi positivi risultati ottenuti in campionato. Domenica, alle 14.30, la sfida casalinga con il Foggia che un anno fa rifilò un pesantissimo 0-3 ai giallorossi, aprendone ufficialmente la crisi che portò poi al cambio alla guida tecnica ed alla rivoluzione nel mercato invernale. Gli otto punti collezionati in quattro giornate consentono adesso a Corona e compagni di giungere alla sfida con i rossoneri in un clima di ritrovata serenità. Nemmeno il ko rimediato mercoledì all’Arechi ha scalfito le certezze di un gruppo che ha decisamente cambiato marcia, mettendosi alle spalle il tribolato avvio di stagione. Per la gara con i “satanelli” Grassadonia deve però fare i conti con la squalifica di Bucolo ed i problemi fisici di Altobello, Enrico Pepe e Nigro, tutti fuori dalla lista dei convocati insieme a Migliore. Assenze che ne riducono al mimimo le possibilità di scelta.

Un'esultanza del Messina

Un’esultanza dei giocatori del Messina

Il tecnico ritrova invece Benvenga, che ha scontato i due turni di stop, e riproporrà l’ex comasco sull’out destro del pacchetto arretrato che, davanti a Iuliano, comprenderà anche Stefani, Silvestri e Donnarumma. Marin è l’alternativa per la corsia mancina. Damonte il punto fermo di un reparto di centrocampo che potrebbe vedere all’opera anche Bortoli e Izzillo, mentre Vincenzo Pepe avrà il compito di innescare le punte Corona e Orlando. Bjelanovic e Gaeta sono le armi offensive pronte ad essere sfruttate a partita in corso. In casa Foggia per Roberto De Zerbi c’è invece la tegola Gerbo. Il fantasista, infortunatosi seriamente nel corso del confronto con il Catanzaro, rimarrà fuori per almeno 50 giorni. I rossoneri vengono da sei risultati utili consecutivi e precedono il Messina di due lunghezze (sarebbero tre senza la penalizzazione), ma possono recriminare per qualche punto di troppo lasciato per strada. A fare la differenza è stato sin qui Iemmello, a segno contro il Catanzaro per la quinta volta in questo campionato dopo essere stato in estate un concreto obiettivo di mercato del Messina.

Commenta su Facebook

commenti