Messina, sfida salvezza con il Catanzaro. Lucarelli senza Madonia, Foresta e Grifoni

MessinaEsultanza giallorossa

Si gioca ed è ancora una volta questa la notizia migliore. In mezzo alle mille voci che riguardano il futuro societario, il Messina ospiterà sabato il Catanzaro (calcio d’inizio al “Franco Scoglio” alle ore 14.30) in un autentico scontro salvezza. Almeno per 90 minuti si tornerà a pensare esclusivamente al pallone. A +3 sulla zona playout, i giallorossi hanno la grande chance di incrementare il vantaggio su una diretta concorrente.

Grifoni è uno dei “fedelissimi” di Lucarelli

Fuori per squalifica Madonia, in seguito all’espulsione rimediata per proteste a Foggia, il tecnico Cristiano Lucarelli dovrà rinunciare anche a Grifoni, uscito anzitempo per infortunio dal match dello “Zaccheria”. In settimana Foresta ha ripreso ad allenarsi con i compagni ed è sulla via del completo recupero, ma non rientra nella lista dei 23 convocati. Davanti a Berardi spazio al quartetto composto da Palumbo, Rea, Bruno e De Vito, mentre a centrocampo insieme a Musacci dovrebbero trovare posto Sanseverino e Da Silva, alla loro seconda apparizione in giallorosso. In attacco scelte praticamente obbligate: Mancini, match-winner dell’andata al “Ceravolo”, agirà a ridosso di Anastasi e Milinkovic. Il Messina si aggrappa inevitabilmente al talento del franco-serbo che deve dare continuità alla buona prestazione di sabato scorso. L’ex rossoazzurro, in cerca del primo acuto con la sua nuova maglia, ha invece da farsi perdonare gli errori sotto porta commessi a Foggia.

Cristiano Lucarelli

Il tecnico del Messina Cristiano Lucarelli (foto Alessandro Denaro)

Dopo gli appelli al pubblico, chiamato a raccolta da un Cristiano Lucarelli sempre più capopopolo, l’obiettivo è centrare la quarta affermazione casalinga consecutiva che seguirebbe quelle ottenute sul terreno del San Filippo a spese di Vibonese, Reggina e Juve Stabia. Il Catanzaro è però ripartito sotto la gestione Zavettieri dopo un avvio di stagione tutto da dimenticare. I riflessi del mercato si sono già visti nel vittorioso confronto di Pagani, deciso dai gol di Zanini e Icardi. Le “aquile”, a quota 21 insieme a Taranto e Akragas, hanno perso soltanto una volta nelle ultime otto gare, collezionando due vittorie e cinque pareggi. I peloritani non battono inoltre il Catanzaro in casa dal 1990, quando fu il gol del difensore Da Mommio a regalare il successo. Rompere il digiuno in un momento delicatissimo per le sorti del Messina sarebbe la miglior medicina, in attesa di una schiarita sul fronte societario che non vuole davvero saperne di arrivare.

Mancini e Musacci

Di seguito i ventitré convocati del Messina per la sfida con il Catanzaro – Portieri: Berardi, Russo, Benfatta. Difensori: Palumbo, Saitta, Marseglia, De Vito, Bruno, Ansalone, Maccarrone, Rea. Centrocampisti: Musacci, Ricozzi, Da Silva, Mancini, Sanseverino, Capua. Attaccanti: Milinkovic, Anastasi, Ciccone, Ferri, Ventola, Rota.

Commenta su Facebook

commenti