Fp Sport Messina: l’accoglienza va a canestro. Buba Faye entra nella famiglia peloritana

Buba Faye Fp Sport)

In casa Fp Sport Messina l’amore per lo sport e per il sociale vanno di pari passo. Finalmente dopo una naturale attesa, Claudio Cavalieri e Francesco Paladina possono ufficializzare il tesseramento dell’extracomunitario Buba Faye, ragazzo appartenente a Casa Ahmed di Messina. Tutto questo è nato dal progetto dalla società con il centro d’accoglienza.

Felice e orgoglioso di questo importante evento il socio e capitano dell’Fp Sport Messina, Claudio Cavalieri: “Questo progetto è nato dall’amicizia con Marica Santoro, mediatrice di Casa Ahmed, ringrazio di tutto ciò Francesco Paladina che mi ha lasciato carta bianca ma soprattutto i miei grazie vanno a Casa Ahmed che ci ha dato la possibilità di portare avanti il progetto. È nato tutto la scorsa estate, con diversi ragazzi che si sono avvicinati a questo meraviglioso sport, ma purtroppo nel corso del tempo abbiamo perso qualcuno di loro poiché sono soggetti a trasferimento. Uno dei nostri obiettivi è stato il tesseramento di Buba che ho inseguito con tutte le mie forze. Ringrazio questi ragazzi che ci hanno dato qualcosa di grande  e si sono uniti meravigliosamente ai gruppi dell’under 16 e 18, la società ha tratto solo dei benefici da questi “eroi” che hanno superato diverse problematiche.

Grazie a questo progetto la società e gli atleti sono cresciuti in maniera esponenziale e una grossa mano l’ hanno data i genitori dei nostri ragazzi perché l’Fp Sport è una famiglia. Buba è una speranza di crescita per la società ma soprattutto per la città e simbolo della tenacia e della voglia di realizzare i nostri progetti e sogni. Io e Francesco Paladina lavoriamo da quattro anni nel sociale cercando di dare delle possibilità ai più bisognosi e voglio ringraziare nuovamente Casa Ahmed per la grossa possibilità che ci dà quotidianamente. Il nostro andare avanti in questo progetto è il credo della società dell’Fp Sport e di chi ne fa parte, poiché non è la prima azione nel sociale e la società nel corso degli anni ne ha compiute diverse. Buba adesso ha le carte per giocarsi un pezzo della sua vita, toccherà a lui allenarsi giorno dopo giorno con tranquillità e serenità di avere accanto una famiglia. È un ragazzo che si allena quotidianamente con noi e si vede la sua voglia di crescere. Auguro a Buba di realizzare i propri sogni, per noi è un valore aggiunto e non solo per le doti fisiche e atletiche ma soprattutto per la sua immensa umanità . Buba è parte integrante dell’Fp Sport.”

Primo piano di Buba Faye

Immensa soddisfazione per Giuseppe Silvestro, coordinatore di Casa Ahmed, nel vedere un ragazzo del suo centro raggiungere un obiettivo cosi importante, lo stesso ha dichiarato: ”La collaborazione avviata con la società Fp Sport nasce nell’ambito della rete sociale che Casa Ahmed si propone di interesse nella città di Messina. Si tratta di un traguardo ambizioso, storie come quelle di Buba dimostrano come nel momento in cui tutti gli attori sociali agiscono insieme, i risultati arrivano. Vedere l’entusiasmo e la felicità negli occhi di Buba nel momento in cui ha appreso la notizia di essere tesserato rappresenta la più grande gratificazione per chi svolge il nostro lavoro. Casa Ahmed fa un enorme in bocca al lupo a Buba per cui inizia un nuovo cammino e che ora più che mai deve sentirsi protagonista della sua vita.”

Buba, ragazzo splendido e voglioso di ricompensare la fiducia della società e del suo centro, ha affermato: ”Sono molto felice di avere questa opportunità di giocare con l’ Fp Sport. È un sogno che diventa realtà, un momento che non potrò mai dimenticare, credo uno dei più belli della mia vita. Era agosto quando la mediatrice del centro Marica mi ha presentato a Francesco e Claudio che mi hanno accolto come uno di famiglia. Sono molto orgoglioso di essere un giocatore di questa splendida squadra e ringrazio la società per il supporto che mi dà.” Il basket è amore, rispetto e uguaglianza, questo è l’esempio da perseguire.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti