Messina, Petrilli: “Vogliamo dare un segnale forte. Adesso c’è un gioco più offensivo”

PetrilliPetrilli aveva firmato il momentaneo 1-1 (foto Nino La Macchia)

Il suo gol non è bastato al Messina per evitare la sconfitta a Torre del Greco. L’attaccante Nicola Petrilli, autore del momentaneo 1-1 al “Liguori”, cerca di caricare l’ambiente in vista del prossimo match con il Castrovillari: “Dobbiamo cambiare marcia, non vogliamo più sbagliare e vogliamo dare un segnale forte alla società, ai tifosi ed anche alle squadre che sono davanti a noi”.

Petrilli

Petrilli in fase di riscaldamento (foto Nino La Macchia)

Sarà la prima casalinga per il neo tecnico giallorosso Oberdan Biagioni. L’ex giocatore di Padova e Como sottolinea: “Il mister sin da subito ha fatto vedere di che pasta è fatto e che carattere abbia. Ci ha trasmesso qualcosa a livello di atteggiamento e aggressività. La sua impronta è molto più offensiva rispetto al gioco che avevamo prima, quindi per noi attaccanti è oro”.

Contro la Turris, però, il Messina ha pagato a caro prezzo qualche amnesia di troppo: “Il nostro rammarico più grande è non aver raccolto niente, nonostante una grande prestazione. Andare lì ed imporre il nostro gioco non era facile. Sono una squadra costruita per vincere, c’è un ambiente difficile. Dobbiamo ripartire da quelle basi e da un gioco spumeggiante, in questo modo possiamo dire la nostra. Deve crescere l’attenzione su qualche palla inattiva, l’atteggiamento domenica non lo abbiamo di certo sbagliato”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti