Messina-Catania, i precedenti. Nel 2004 l’ultimo successo dei giallorossi: finì 3-0

Messina-CataniaMessina in posa davanti alla Curva Sud

Messina-Catania sarà il primo atto della gestione Proto e vivrà domenica un nuovo ed avvincente capitolo della sua storia. La prima sfida in campionato risale addirittura al 1920, quando l’allora US Messinese prevalse sul Catanese per 2-0. Nel 1930-31 il bis dei giallorossi per 1-0, seguito nel 1931-32 dal tennistico 6-3, sempre in favore dei padroni di casa. Altro successo del Messina, per 3-0, nel campionato di B stagione 1934-35. Poi l’1-0 del 1935-36 e la prima affermazione etnea, l’1-2 del 1936-37, stagione chiusa dagli spareggi-salvezza che videro protagoniste entrambe. Il Messina perse fuori, ma vinse 4-3 il confronto interno e poi quello per 2-0 giocato a Palermo, nell’ambito di un girone a quattro squadre, con i rivali condannati alla retrocessione.

Sullo dal dischetto in Messina-Catania del 2001

Nel 1938-39 il primo pareggio, senza gol. Il Catania brindò nel 1942-43, contro l’allora Us Passamonte, imponendosi per 1-3. Goleada del Messina che si rifece nel 1945-46: 5-0 con reti di Villari, Gennaro, Caprì, Ciraolo e ancora Villari. Solo 0-0, invece, nel 1946-47. Affermazione dei rossoazzurri per 0-3 nel 1947-48. Le sfide tra le due compagini proseguirono nel segno dell’X, con l’1-1 del ’48-49, l’1-1 del ’50-51 e lo 0-0 del ’51-52. Serie spezzata in B, nel 1952-53, dall’1-0 dei peloritani con rete di Brach all’87’. Di misura, sempre per 0-1, le vittorie etnee nel ’53-54 e ’55-56. La striscia ospite si prolungò con l’1-3 del ’56-57 e lo 0-2 del ’57-58. Dunque lo 0-0 del ’59-60 a far da spartiacque, prima dei confronti andati in scena in massima serie. Nel torneo 1963-64 finì 0-0, mentre nel 1964-65, campionato nel quale il Messina non riuscì comunque ad evitare la retrocessione, fu 2-1: Bagatti al 10′, Facchin per il momentaneo pari al 21′ e Landri su rigore al 69′ i marcatori del match.

Di Napoli in gol in Messina-Catania del 2004

Pari a reti inviolate, di nuovo in B, nel 1966-67 e 0-2 in favore del Catania nel 1967-68. Il Messina poté esultare ancora nel 1974-75: 2-1 con firma di Angelozzi al 17′ a precedere la rimonta targata Tripepi (34′, 67′), autore di una doppietta in un “Celeste” stracolmo di tifosi festanti. Era il primo Messina di Franco Scoglio che diede l’unico dispiacere ai rossazzurri nella stagione in cui centrarono il salto in serie B. Lungo stop e solo confronti in Coppa Italia prima del 1986-87. Ecco l’1-1 con Nicolò Napoli che, all’87’, nelle vesti di goleador, evitò la beffa dopo il vantaggio di Allievi, a segno al 40′. In C1, nel 1992-93, gara senza gol a far da preludio al fallimento cui andarono incontro entrambi i club nell’estate seguente. Nel CND edizione 1994-95 pari per 1-1. Pellegrino al 70′ e De Luca su rigore all’87’ per il botta e risposta. Il campionato di C2 1998-99 è quello ricordato per il duello al vertice. La spunteranno di una lunghezza in classifica gli etnei, con il Messina costretto a ricorrere ai playoff, poi persi in finale contro il Benevento. Il confronto diretto casalingo si chiuse sullo 0-0.

Lo scambio di gagliardetti tra i capitani di Catania e Messina

Si arriva al 2000-01, con la doppietta di Ambrosi a gelare il “Celeste” nel corso della regular season. In notturna l’attaccante andò a bersaglio al 29′ ed all’85’, approfittando di un clamoroso errore di Criaco e poi raddoppiando in contropiede. Ma i playoff sorrisero comunque ai giallorossi guidati da Florimbi che il 17 giugno 2001, nel giorno ricordato per i tragici incidenti che portarono alla morte del tifoso Tonino Currò, vinsero 1-0 con un rigore trasformato da Sasà Sullo al 54′ (fallo di Baronchelli su Godeas), ottenendo la promozione dopo l’1-1 strappato all’andata al “Cibali”. A blindare il successo la paratissima di Cecere sulla punizione calciata da Criniti.

Un’offensiva degli etnei nel match del San Filippo, seguito da oltre 18.000 spettatori

Il Catania raggiunse poi il Messina in B e nel 2002-03 si giocò uno dei derby più spettacolari. Gol del vantaggio firmato da Portanova al 12′, poi il pari di Oliveira al 33′. La doppietta di uno scatenato Calaiò (56′, 68′) per i padroni di casa venne vanificata da un super Oliveira, autore di altre due reti al 74′ ed all’82’ a ristabilire la parità per un sensazionale 3-3. Il 3-0 inflitto agli etnei nel 2003-04 è un passaggio chiave nel torneo che vide il Messina di Mutti conquistare la promozione in A. “Scusate il ritardo” il messaggio di Arturo Di Napoli che sbloccò il risultato al 30′ con un guizzo sugli sviluppi di un corner. Di Sullo (62′) e Giampà (67′) i gol della sicurezza. In A, nel 2006-07, nel giorno del debutto in panchina di Cavasin, a segno per l’1-1 Zanchi (di testa al 35′) e Mascara (su punizione al 60′) in uno stadio tristemente vuoto per motivi di ordine pubblico dopo quanto accaduto in Catania-Palermo, con la morte dell’ispettore Raciti. Entusiasmo alle stelle, con quasi 20.000 spettatori sugli spalti, invece, nell’ultimo precedente datato 15 novembre. Sfida senza reti, alla quale il Messina di Arturo Di Napoli giungeva dopo uno sfavillante avvio di stagione.

La doppietta di Calaiò in Messina-Catania 3-3 del 2002

Storie da derby: il 21 settembre 2002, in un pirotecnico Messina-Catania 3-3, Emanuele Calaiò segnò le sue uniche due reti con i giallorossi. Rivediamole con la telecronaca originale.

Publié par Messina Sportiva sur jeudi 12 novembre 2015

Il gol di Di Napoli in Messina-Catania 3-0 del 2004

Verso il derby: era il 29 febbraio 2004 quando Arturo Di Napoli segnò contro il Catania, nel derby vinto 3-0 dal Messina, mostrando la maglietta "Scusate il ritardo" e mandando in visibilio i tifosi

Publié par Messina Sportiva sur vendredi 13 novembre 2015

Messina-Catania, lo spettacolo offerto dalla Curva Sud

Clicca qui per il video integrale di 15 minuti: goo.gl/hNaVQ3

Publié par Messina Sportiva sur jeudi 19 novembre 2015

Commenta su Facebook

commenti