Maurizi: “Contento del pari. Pagati i centimetri di differenza”

Maurizi, allenatore

Per il tecnico dell’Ischia, Agenore Maurizi, il 2-2 con il Messina è un risultato da accogliere positivamente. Alla sua terza panchina con i gialloblù ha commentato così in sala stampa la prova dei suoi: “Abbiamo fatto una buona gara e sono contento del pareggio, ottenuto contro una squadra strutturata fisicamente e su un campo davvero brutto. Nel finale c’erano troppi centimetri di differenza e per questo abbiamo sofferto. La prima mezz’ora da parte nostra è stata buona. In avvio abbiamo prodotto, potevamo fare il 2-0, mentre loro non erano stati mai pericolosi. Poi abbiamo rimediato due gol su palla da fermo e ci sarà da lavorare sotto questo aspetto.  Da un contrasto perso ed una serie di calci d’angolo è arrivato l’1-1. Con Iannascoli per Fiandaca, senza nulla togliere a quest’ultimo, siamo andati meglio nella ripresa. Sarebbe stato un peccato perdere, perchè potevamo anche vincere”.

“Spero che dopo la sosta – prosegue Maurizi – possano arrivare dal mercato almeno uno o due difensori, fisicamente strutturati. Bulevardi e Gerevini hanno fatto una buona gara e questo mi lascia ben sperare. Guardando la classifica penso che occorre fare dei punti nelle prossime due gare e poi puntare a collezionarne almeno 20-22 nel ritorno. La situazione è questa ed ora avremo di fronte due corazzate come Matera e Lecce. Sapevamo che il Messina poteva essere pericoloso saltando con elementi della statura di Damonte e Izzillo, oltre ad Altobello e Stefani, ed avevo paura dei calci piazzati. Entrando anche Bjelanovic e Corona, che hanno giocato anche in A, c’è stato da poco da fare. Non abbiamo rinunciato a giocare, siamo però andati in apprensione, restando comunque pericolosi. Ciotola ? L’ho cambiato perchè era spremuto, aveva dato tutto e la spia si era ormai accesa. Lui e D’Amico hanno fatto buone cose davanti”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti