Una magia di Dalì stende il Roccella: inizia con un successo il nuovo corso del Due Torri

La pregevole marcatura di Dalì che ha deciso il match con il Roccella (foto Carmelo Lenzo)

Esordio ufficiale fortunato per il rinnovato Due Torri di Antonio Venuto, che ha battuto per 1-0 nel match di Coppa Italia il Roccella, formazione calabrese che ha vinto agevolmente l’ultimo torneo di Eccellenza e punta ad una tranquilla salvezza. Al “Vasi” determinante l’apporto degli ispiratissimi Dalì, il match-winner, e Provenzano, mentre gli ospiti hanno pagato anche l’inferiorità numerica che nell’ultima mezzora non gli ha consentito di pungere dalle parti di Paterniti, comunque mai seriamente impegnato. Ai calabresi non è bastato neppure l’apporto dei due neo-acquisti Cassaro ed Ortolini, al quale è stata annullata una rete ritenuta regolare dal tecnico ospite Galati. Non è stato impiegato invece l’altro volto nuovo Gatto.

Un primo piano del tecnico del Due Torri Antonio Venuto, già tra i principali artefici del "miracolo" Milazzo, prima dell'esperienza con l'Hinterreggio (foto Carmelo Lenzo)

Un primo piano del tecnico del Due Torri Antonio Venuto, già tra i principali artefici del “miracolo” Milazzo, prima dell’esperienza con l’Hinterreggio (foto Carmelo Lenzo)

La cronaca. In avvio subito incisivo sulla corsia sinistra Scolaro, che al 4’ chiede invano un penalty. Poi si vede la matricola calabrese, che conquista due corner da destra in rapida successione. Match agonisticamente acceso ma per il primo affondo bisogna attendere il 14’, quando Puntoriere non arriva sul pallone in profondità di Dalì. Primi provvedimenti disciplinari del match per Pastore e Scolaro, quest’ultimo reo al 21’ di essersi sistemato il pallone con una mano prima di calciare a lato della porta difesa da Logatto. Al 28’ prima palla gol in mischia per gli ospiti, con la conclusione di Calabrese respinta con il corpo da un avversario. Al 38’ il Due Torri passa in vantaggio con una splendida triangolazione tra Dalì, che serve di tacco Puntoriere e poi sotto misura batte imparabilmente Logatto sul pallone di ritorno appoggiato dalla punta. Marcatura di pregevole fattura, celebrata dai 400 spettatori del “Vasi”. Il Roccella nell’occasione paga una grave disattenzione difensiva. L’autore del gol, che mostra davvero ottimi numeri, ci riprova al 43’ ma la mira questa volta non è delle migliori: nell’occasione pregevole l’affondo sulla corsia destra per un Due Torri che ora ha preso coraggio e consapevolezza nei propri mezzi. Si va al riposo sull’1-0.

L'esultanza dei calciatori del Due Torri dopo la prodezza di Dalì, migliore in campo al "Vasi" (foto Carmelo Lenzo)

L’esultanza dei calciatori del Due Torri dopo la prodezza di Dalì, migliore in campo al “Vasi” (foto Carmelo Lenzo)

Prima del via della ripresa lo speaker saluta Peppe Guido, presente sugli spalti. Il capitano biancorosso è reduce dal drammatico incidente che costò la vita al povero Marco Salmeri. La ripresa è decisamente più vivace. Al 3’ insidioso colpo di testa di Tricamo sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al 6’ il Roccella ottiene il pari con Ortolini ma la rete viene annullata per una presunta posizione di off-side; vibranti le proteste degli ospiti, con Iacopetta che rimedia l’ammonizione. All’8’ buona sortita di Saggio che poi però perde il tempo e viene anticipato. Sul fronte opposto si spegne di poco a lato la girata di testa di Dorato. Al 14’ il Roccella resta in dieci uomini per l’intervento da dietro di Iacopetta sull’ispiratissimo Provenzano: inevitabile il secondo giallo, ingenuo nell’occasione il fantasista calabrese. Al 16’ termina di poco a lato la conclusione da fuori area del numero 8, che in carriera vanta non a caso perfino l’esordio in A con il FC Messina nel 2006-2007 e 13 presenze in B nella stagione successiva. Primo avvicendamento con il subentrante Ciccone che cerca subito l’affondo. Al 24’ Criniti centra il palo esterno direttamente dalla bandierina. Due minuti dopo Logatto respinge in tuffo la conclusione a botta sicura di Dalì su calcio piazzato; sulla respinta altra magia del fantasista che per poco non trova un compagno in area. Tra il 32’ ed il 33’ l’ex Licata sfiora il bis: prima è Logatto a negarglielo, poi il palo esterno sul pallonetto che sembrava destinato a chiudere con il punto esclamativo un bel contropiede. Match ormai a senso unico con il Roccella in evidente difficoltà anche per l’inferiorità numerica ed una panchina imbottita di giovani, tanto che Galati non opera alcun cambio fino al 39’, subito dopo che Provenzano si è visto respingere in extremis un tap-in a botta sicura sulla precedente respinta del portiere. Nonostante i quattro minuti di recupero non accade più nulla, il turno preliminare di Coppa sorride ai biancorossi, mentre il Roccella dovrà oliare qualche meccanismo in vista dell’esordio esterno con l’Orlandina.

Commenta su Facebook

commenti