L’Igea presenta Sowe. Barresi: “Addizione importante. Lo seguivamo da tempo”

IgeaOusman Sowe con il direttore Italiano e il presidente Barresi

Ai microfoni di 3Mtv il presidente dell’Igea 1946 Stefano Barresi ha presentato ufficialmente sul terreno del “D’Alcontres” Ousman Sowe, ultimo acquisto della formazione giallorossa in vista del proseguo di campionato: “Sul mercato si è prospettata un’occasione che ci ha permesso di portare a Barcellona un giocatore che seguivano da tempo. Lo abbiamo incrociato già precedentemente quando giocava nella Leonzio ma in quel momento non c’era la possibilità di ingaggiarlo. Adesso le condizioni si sono avverate ed è arrivato a Barcellona. Non lo conoscevo personalmente ma anche in quella partita ha potuto mostrare le sue ottime qualità. Il suo acquisto rappresenta un investimento a tutto tondo non solo per il finale di questa stagione, infatti crediamo nel suo valore e speriamo di poterlo avere con noi anche durante la prossima stagione”.

Ousman Sowe

Ousman Sowe con la maglia della Jonica

Secco il commento del massimo dirigente sull’ennesima rinuncia a campionato in corso: “Il ritiro della Leonzio rappresenta un’altra sconfitta per il calcio e particolarmente per il nostro girone che registra il secondo forfait da inizio stagione. Bisogna considerare che al termine del confronto giocato con gli aretusei abbiamo subito sei giornate di squalifica. Con il Ragusa siamo la squadra più penalizzata da questo ritiro avendoci vinto e vedendo di fatto annullato il nostro successo”.

Ousman Sowe

Ousman Sowe in azione con l’Atletico Messina

Il classe 2000 Sowe, nato calcisticamente nel settore giovanile dell’Atletico Messina, ha anche militato nella Jonica e nella Virtus Ispica prima di iniziare questo torneo proprio a Lentini, affrontando la sua nuova squadra. Il giocatore sarà già disponibile per la trasferta di Palazzolo. Queste le sue prime dichiarazioni in maglia giallorossa: “Il campionato procede nel migliore dei modi. Sono contento di essere arrivato qui a Barcellona. Tatticamente posso giocare esterno o agire in proiezione più offensiva da punta centrale. Sono contento di stare in un gruppo con questi ragazzi. Il direttore, il presidente e il mister mi fanno sentire la propria vicinanza. Mi sento bene e tutti insieme puntiamo ad andare sempre avanti”.