Lecce, Ferreira stende il Catania. Il Matera reagisce. Colpi di Melfi, Vibonese e Akragas

L'esultanza di Ferreira

Ventinovesima giornata per il girone C della Lega Pro. E’ un gol dell’ex messinese Costa Ferreira a regalare il successo al Lecce. I salentini si riscattano dopo la sconfitta subita a Francavilla superando 1-0 il Catania. La prima rete con la maglia dei pugliesi da parte del portoghese, al 51′, condanna invece al secondo ko consecutivo gli etnei che in settimana avevano interrotto il rapporto con l’allenatore dimissionario Mario Petrone. La squadra di Padalino torna in vetta alla classifica, in attesa del posticipo di lunedì Monopoli-Foggia. Ai “satanelli” servirà un successo per riprendersi il primato. Nuovo crollo della Juve Stabia, battuta in casa per 1-0 dalla Paganese di Grassadonia. Bollino, al 55′, il match-winner. Si ferma a quota cinque la serie nera del Matera che al “XXI Settembre-Franco Salerno” si sbarazza (2-0) della Reggina già nel primo tempo. Gli uomini di Auteri vanno a segno al 9′ con De Lorenzo e raddoppiano al 28′ su rigore con Negro, archiviando presto la pratica.

Salvatore Cocuzza

Salvatore Cocuzza in sala stampa

Continua a volare il Siracusa, cui basta il centro di Scardina all’85’ per avere la meglio sul Fondi. Aretusei sesti con 44 punti e tra le assolute rivelazioni del torneo. Alle loro spalle c’è il Cosenza che prevale 2-1 contro la Fidelis Andria. Uno-due firmato Statella-Tedeschi, tra il 25′ ed il 27′. Per i pugliesi accorcia le distanze Tito all’88’. In coda fondamentale affermazione del Melfi ai danni del Catanzaro. Gialloverdi a bersaglio proprio allo scadere: ci pensa Vicente al 90′. Contestato duramente dai propri tifosi il Catanzaro: presi di mira in particolare Gomez e Leone. Il fanalino Vibonese regola 2-0 la Virtus Francavilla e resta a -1 dalla penultima posizione. Bubas in gol al 66′, chiude i conti Sowe all’86’. Colpo esterno dell’Akragas che si impone 2-0 a Taranto. I rossoblù, prossimi avversari del Messina, cedono allo “Iacovone” per effetto del rigore trasformato da Totò Cocuzza al 17′ e del raddoppio di Coppola al 59′. La squadra di Lucarelli, dopo lo 0-0 di Caserta, si trova a +4 sulla zona playout, avendo sfruttato i passi falsi di molte delle dirette rivali.

Commenta su Facebook

commenti