L’Aretusa Siracusa fa il vuoto. Gara da dimenticare per la Piero Lepro Spadafora

Match assolutamente da dimenticare per la Piero Lepro Spadafora che al PalAkradina di Siracusa non entra mai in partita e realizza la peggior prestazione della stagione d’esordio di serie C Silver. Siracusa, trentello per il folletto Smith, si conferma squadra che predilige giocare davanti al pubblico amico e con questo successo raggiunge Palermo e Licata in sesta piazza. Spadafora rimane con tre affermazioni all’attivo e guarda già al futuro dopo una serataccia da cancellare in fretta. Già al primo quarto gli Spartans del tecnico Luigi Maganza chiudono con un passivo di 18 punti all’attivo con soli sei punti segnati a fronte dei 24 subiti. Nel secondo quarto la musica non cambia, anzi il gap di svantaggio invece di diminuire raddoppia ed all’intervallo lungo il tabellone infierisce, indicando il punteggio perentorio di 50-14. Gli ultimi due quarti ricalcano i precedenti due. Magra consolazione per Spadafora che chiudecon le doppie cifre di Scozzaro, Sofia e Barbera e vince di un punto la terza frazione. Per i gialloneri da registrare il ritorno in distinta del play peloritano Di Dio ma il team tirrenico cede netto anche nel quarto tempino e gli aretusini così allungano ancora, centellinando l’impiego del totem Agosta e chiudendo la partita sull’eloquente parziale di 92-42. Appuntamento per la Piero Lepro da non fallire sabato in casa contro il Giarre per provare a riscattare questa debacle esterna.

Il tecnico di Spadafora Luigi Maganza

Il tecnico di Spadafora Luigi Maganza

Tabellino
Aretusa Siracusa-Spadafora 92-42
Parziali: 24-6; 26-8; 14-15; 28-13
Aretusa Basket Siracusa: Smith 30, Agosta, Agliano 8, Alescio 8, Bellofiore 10, Boscarino 12, Carbone 9, Ferraro 2 Carbone A. 2. All. Marletta
Piero Lepro Spadafora: Contaldo 3, Stuppia, Mobilia 2, Scozzaro 10, Sofia 11, Barbera 12, Vento 4, Di Dio, Molino. All. Luigi Maganza
Arbitri: Castiglione e Fichera

Commenta su Facebook

commenti