La Viterbese raggiunge il Messina nel finale (1-1). Non basta il gol di Iannone

IannoneIannone celebrato dai compagni (foto Ciccio Saya)

Auteri rivoluziona l’Acr, in campo con il 4-3-3 e ben sei novità nell’undici titolare. I peloritani soffrono in mezzo al campo, lasciando qualche contropiede di troppo ai laziali, che però sprecano. Nel primo tempo l’ex Salernitana riscatta gli errori di Francavilla, bagnando con il gol l’esordio casalingo. Nella ripresa altri rischi, palle gol non finalizzate e la beffa finale confezionata da Polidori.  

Fofana

Fofana e il lituano Megelaitis (foto Paolo Furrer)

Il pre-partita. Seconda gara in quattro giorni per il Messina, che vuole cancellare l’amarezza per i punti persi contro Crotone e Virtus Francavilla. Auteri rivoluziona la squadra, che per la prima volta abbandona la difesa a tre e scende in campo con il 4-3-3. Ben sei le novità: Konate e Angileri terzini, Ferrini all’esordio assoluto centrale, Fiorani a centrocampo, Iannone e Curiale in attacco. Indisponibile l’acciaccato Fazzi, che si accomoda in panchina. Al “Franco Scoglio” dopo due anni e mezzo tornano i led a bordo campo. In settimana l’Acr ha formalizzato l’accordo con il nuovo team manager, l’ex tecnico in seconda della Jonica Fabio Renzo, che fa il suo esordio casalingo. Messina in campo ancora con la divisa totalmente nera, tenuta gialla invece per la Viterbese, reduce da una sofferta salvezza ai playout nel girone B. Prima del via applauso d’incoraggiamento della Curva Sud ai giallorossi. Consistente la presenza di pubblico nonostante la gara infrasettimanale. I laziali schierano tra i pali l’ex Fumagalli.

Curva Sud

Fumogeni e cori in Curva Sud (foto Paolo Furrer)

La cronaca. Al 2′ Messina già vicino al gol con Iannone, che sfonda sulla corsia destra, converge ma poi calcia alto sulla traversa. Subito articolate le trame dei giallorossi, in campo con ben cinque under. L’ex Paganese si rivede al 7′, quando è ancora impreciso sull’assist di Balde. Al 19′ uscita imperfetta di Daga sull’affondo di Marotta, ma sul cross il tentativo dalla sinistra di Semenzato sorvola la traversa. Subito dopo viene ammonito Balde per un fallo a centrocampo. Il Messina tiene bene il campo ma paga qualche imprecisione in fase di costruzione, lasciando spazi in mezzo al campo. Al 26′ doppia fiammata: Angileri ci prova dalla trequarti ma la conclusione viene respinta. Sulla ripartenza Volpicelli imbecca Mungo, il cui tiro viene respinto da un difensore, favorendo infine il recupero di Daga.

Acr Messina

La formazione titolare del Messina (foto Paolo Furrer)

Al 29′ ci prova Semenzato ma il tiro, smorzato, è facile preda dell’estremo difensore locale. Al 34′ il Messina va in gol: Curiale serve Fiorani, che imbecca nello spazio Iannone: il prodotto del vivaio della Salernitana non sbaglia e batte con un diagonale Fumagalli, riscattando le palle gol sprecate domenica. Il “Franco Scoglio” può fare festa. Al 37′ Daga raccoglie un insidioso pallone vagante in area. La scena si ripete cinque minuti dopo sul traversone dalla destra di Nesta. Al 43′ è debole il tentativo di Balde, Fumagalli para agevolmente. Il primo tempo si chiude con due ghiotte chances non finalizzate da Mungo e Andreis, su gravi leggerezze in fase di ripartenza. In avvio di ripresa, al 3′, Marotta conquista una punizione dal limite ma poi sulla battuta si ostacola a vicenda con Ricci e la Viterbese spreca ancora. Al 7′ Nesta converge e calcia ma la palla viene deviata in corner.

Balde e Iannone

Balde si complimenta con Iannone (foto Ciccio Saya)

Poi arriva un triplo cambio per Auteri, che prova a ribaltare l’inerzia presa dal match: Catania per Iannone, Grillo per Fiorani, Napoletano per Curiale. Tra gli ospiti dentro D’Uffizi, reduce dalla doppietta all’Andria, al posto di Mungo. Le sostituzioni sortiscono gli effetti sperati: dopo avere sofferto a lungo le ripartenze laziali, il Messina adesso prende campo e costringe la Viterbese ad arretrare. Al 18′ viene deviato in corner il tentativo da fuori area di Grillo. Filippi è costretto a correre ai ripari: Polidori e Di Cairano rimpiazzano Semenzato e Andreis. Al 22′ Fumagalli si distende e blocca il tiro da fuori di Napoletano. Dentro anche per Berto per Konate. In contropiede Marotta di testa prolunga per Polidori, che però calcia debolmente e non crea patemi a Daga. Sul fronte opposto viene deviato in angolo il tentativo di Balde. Al 31′ bella ripartenza del Messina, con Balde che serve Grillo, che converge e costringe Fumagalli alla parata in tuffo. La Curva applaude convinta.

Trasciani e Ferrini

Trasciani e Ferrini al centro della difesa (foto Paolo Furrer)

Al 33′ Polidori da posizione decentrata ottiene soltanto un corner sull’ennesima ripartenza propiziata da un pallone perso banalmente dal Messina. Catania si libera e calcia, concludendo fuori. Poi al 35′ Fofana si rifugia in corner, sfiorando un clamoroso autogol, su un traversone dalla destra. La Viterbese colleziona corner ma al 40′ Ferrini con il corpo è decisivo sul tiro di D’Uffizi. La gioia dura poco: al 42′ Polidori, servito in profondità con un lancio da quaranta metri di Megelaitis, controlla la sfera e supera con un pallonetto Daga. Messina beffato sui titoli di coda. Palla al centro e subito ci riprova Grillo, il cui diagonale si spegne a lato. Il Messina si scuote: bello spunto sulla sinistra di Catania, con la Viterbese che si rifugia due volte in angolo. Al 91′ Fofana mette in movimento Grillo, sul cui cross la Viterbese si salva in extremis. Poi ancora Catania semina un paio di avversari ma viene chiuso in extremis. Finisce così e il Messina si morde le mani, anche per la sospetta posizione di offside di Polidori sul gol del pareggio. Ma a pesare sono soprattutto le costanti ingenuità, forse inevitabili per un gruppo molto giovane.

Carmine Iannone

Carmine Iannone in gol all’esordio casalingo (foto Paolo Furrer)

Il tabellino. Messina-Viterbese 1-1 
Marcatori: al 34′ pt Iannone (M), al 42′ st Polidori (V).
Messina (4-3-3): Daga; Konate (26′ st Berto), Trasciani, Ferrini, Angileri; Fiorani (9′ st Grillo), Marino, Fofana (K); Iannone (9′ st Catania), Curiale (9′ st Napoletano), Balde (38′ st Zuppel). In panchina: Lewandowski, Versienti, Filì, Camilleri, Mallamo, Piazza, Nicosia. Allenatore: Gaetano Auteri.
Viterbese: Fumagalli, Santoni, Volpicelli, Megelaitis, Marotta, Mungo (11′ D’Uffizi), Semenzato (K, 20′ st Polidori), Ricci, Montegaudo, Andreis (20′ st Di Cairano), Nesta (34′ st Simonelli). In panchina: Bisogno, Manarelli, Aromatario, Mbaye, Marenco. Allenatore: Giacomo Filippi.
Arbitro: Ermes Fabrizio Cavaliere di Paola (CS).
Assistenti: Rodolfo Spataro di Rossano (CS) e Federico Linari di Firenze.
Quarto uomo: Giuseppe Rispoli di Locri (RC).
Note – Ammoniti: al 20′ pt Balde (M), al 29′ st Marino (M), al 47′ st Angileri (M). Corner: 7-7. Recupero: 1′ pt e 4′ st. Spettatori: 1.178 biglietti venduti, 979 abbonati.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma