La Soprintendenza potrebbe dichiarare il Celeste “bene di interesse storico”

CelesteLo stadio "Giovanni Celeste", dopo i lavori effettuati dalla proprietà del Città di Messina nel 2010 (foto Giovanni Isolino)

“La Soprintendenza di Messina ha chiesto al Comune di effettuare un sopralluogo per valutare la possibilità di dichiarare lo stadio “Giovanni Celeste” un bene di interesse storico. Sono pienamente soddisfatto nel constatare che la richiesta fatta insieme ai colleghi Valentina Zafarana e Antonio De Luca ha incontrato la volontà della Soprintendenza con cui, proprio ieri, ho avuto un incontro”. Così il PortaVoce messinese del Movimento 5 Stelle Francesco D’Uva.

Francesco D'Uva

Il deputato del Movimento Cinque Stelle Francesco D’Uva

“Un’eventuale dichiarazione dell’interesse culturale farebbe divenire lo stadio Giovanni Celeste un bene culturale e storico e, verosimilmente, ciò garantirebbe nuovo impulso e risorse alle azioni tese ad una valorizzazione e restituzione alla cittadinanza dell’impianto sportivo rimasto nel cuore dei messinesi, escludendo la possibilità di alienazione e relative speculazioni. Ci auguriamo davvero che questo sia soltanto il primo tassello di un iter che vedrà, dopo tanto tempo, dare lustro ad un simbolo della città di Messina”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva