La Savam Costruzioni Letojanni cede il passo al Cinquefrondi

Savam Costruzioni LetojanniFoto di squadra della Savam Costruzioni Letojanni

Trasferta da dimenticare per la Savam Costruzioni Letojanni che esce sconfitta da Cinquefrondi per 3-1. La compagine di mister Flavio Ferrara è al secondo stop consecutivo dopo il 3-2 della scorsa settimana contro il Gupe Battiati.

Maurizio Schifilliti in palleggio

Maurizio Schifilliti (Letojanni) in palleggio

Capitan Schifilliti e compagni rimangono a quota 15 in classifica a sei lunghezze dal secondo posto, occupato da Gupe e Lamezia. Tornando alla gara in Calabria, Letojanni si porta subito avanti per 2 a 1 per poi farsi rimontare 3-2. Cinquefrondi ottiene il 6 a 2 che dopo il ritorno dei siciliani diventa 7 a 5. L’ex Laganà conduce i suoi sul 10 a 7 con un servizio impeccabile e dei colpi precisi sulle linee laterali. A sostegno anche il centrale Nardi e Chillemi che, dopo un muro e un ace, imprimono lo slancio giusto per portarsi sul 12 a 7. Poi un ace di Mazza e una schiacciata di Schifilliti diminuiscono lo svantaggio (13 a 11) e con il passare dei minuti il Letojanni cerca di agganciare gli avversari ma senza risultato, visto che il divario cresce di punto in punto a causa di errori in difesa degli ospiti. Il set pertanto scorre velocemente a favore dei locali che concludono in bellezza sul 25 a 18 dopo un pallonetto di Bellucci ed un attacco errato di D’Andrea. Il secondo parziale comincia con il Letojanni che allunga sul 4 a 6  grazie ad i soliti spunti di Mazza.

Flavio Ferrara

mister Flavio Ferrara

Ma un Laganà in forma smagliante ritorna in cattedra e mette il set in parità (10 pari). Da qui in poi la squadra di Polimeni prende il largo con Nardi protagonista (12 a 10). Il sestetto calabrese scava infatti un solco di ben 6 lunghezze, portandosi sul 19 a 13 grazie ad ottime manovre di Nardi e Dall’Agnol e alle stoccate del solito Laganà che, sul 20 a 14, realizza l’ennesimo punto in battuta che vale il 21 a 14. Un altro ace di Laganà e un pallonetto di Bellucci consegnano il 2-0 in favore del Cinquefrondi (25 a 14). Tutt’altra storia il terzo, nel corso del quale il Letojanni appare rigenerato in tutti i fondamentali, questo grazie all’inserimento di Mazza come falso opposto e di D’Andrea a posto 4 che ridanno energia al gruppo sfaldato, anche se sul 4-1 subiscono la rimonta locale. Questi ultimi arrivano al 5 a 5 ma Letojanni impone il suo gioco raggiungendo prima il 9 a 5 e poi il 12 a 7.

Siciliana Maceri Volley Letojanni

Siciliana Maceri Volley Letojanni in azione

La Savam riesce a portarsi addirittura a +10 (20-10) per poi conquistare definitivamente il parziale (25-12), grazie ad una difesa e ad una ricezione attente e ai muri, l’ultimo dei quali alzato da Schifilliti. Il quarto set comincia in equilibrio (5 pari), con i locali a riportarsi successivamente in vantaggio (10-7). Di mezzo i muri di Schipilliti e D’Andrea e le schiacciate di Laganà, che si trasformano prontamente in punti per un 11 a 8. Il punto del 12-8, che il direttore di gara assegna come palla fuori ma gli ospiti reputano un mani-out di D’Andrea, innesca le proteste che portano al cartellino rosso per Schifilliti e Princiotta e al successivo rosso anche per Remo. Partita sospesa per qualche minuto e Letojanni che riprende a giocare con un 14 a 8 suo sfavore che diventa subito 18 a 13. Laganà consegna il 3-1 per il locali fissando il punteggio sul 25-18. Alla ripresa del campionato il 6 gennaio la squadra di coach Ferrara cercherà subito punti preziosi contro il Modica di mister Benassi.

Jolly Cinquefrondi – Savam Costruzioni Volley Letojanni 3-1 (25-18, 25-14, 12-25, 25-18)
Jolly Cinquefrondi: Dall’Agnol 12, Laganà 23, Salomone (L), Nardi 9, Aprile 4, Bellucci 4, Chillemi 12, Bonati 1, Imbesi 1. N.e. Varamo, Limberger, Presta, Santacroce. ALL.: Polimeni
Savam Costruzioni Letojanni: Schipilliti 9, Schifilliti 9, Ruggeri (L1), Princiotta 8, Remo 5, D’Andrea 5, Corso 1, Mazza 19. N.e. Degli Esposti, Mastronardo, Pino, Scollo. ALL.: Ferrara
Arbitri: Braile e Cupello di Cosenza

Commenta su Facebook

commenti