La Piero Lepro Spadafora condanna tutti gli episodi di discriminazione razziale

Luigi MaganzaIl tecnico di Spadafora Luigi Maganza

In merito a quanto accaduto durante la gara Piero Lepro Spadafora-Canicattì di sabato scorso e più precisamente ai fatti relativi ai reiterati insulti che qualche spettatore di casa ha rivolto al giocatore di colore della squadra ospite Diaye, il Direttore Tecnico della Piero Lepro Luigi Maganza (nella foto) tiene fermamente, insieme alla sua società, a dissociarsi da quanto accaduto poichè Spadafora per prima non tollera e non condivide atteggiamenti tendenti alla discriminazione razziale. La società tirrenica si scusa con il giocatore in questione, con la società e la cittadinanza tutta di Canicattì per questo spiacevole accaduto, impegnandosi a vigilare affinché altri spiacevoli episodi del genere non si ripetano più in una paese come Spadafora dove mai nessuno aveva assunto simili atteggiamenti in precedenza.

Commenta su Facebook

commenti