La Nuova Pallacanestro Messina rimonta ma cede all’ultimo tiro a Comiso

NPMComiso Nuova Pallacanestro Messina

Seconda sconfitta stagionale nel torneo di Serie D Girone Sud per la Nuova Pallacanestro Messina targata Sicily Express Courier, il team di coach Pizzuto è uscito sconfitto dal PalaDavolos di Comiso con il punteggio di 90-87. In un match ad alto punteggio i giallorossi pagano il miglior avvio della squadra locale rimanendo sempre a contatto nel punteggio grazie a un ottimo Stuppia da 32 punti finali. Nonostante un arbitraggio ritenuto non proprio perfetto da parte dell’entourage peloritano gli ospiti sono riusciti a rientrare nel finale trovando poi anche il vantaggio nei minuti finali, a pochi istanti dalla sirena Pellot su palla recuperata schiaccia il -1, poi la coppia arbitrale non fischia il contatto cercato dagli ospiti per arrestare il cronometro e Comiso segna il definitivo +3.

Rimane ovviamente il rammarico per una ghiotta occasione mancata di poco come due settimane fa a Piazza Armerina ma la Sicily Express Courier ha dimostrato di poter dire la sua in questo torneo. Strepitosa la prova di Stuppia (32), ventello sfiorato per Pellot (19) e Caroè (17), adesso Messina deve azzerare il passo falso per presentarsi al meglio alla prossima sfida casalinga contro Pozzallo prevista per domenica 18 novembre alle ore 18:00 al PalaRussello di Messina.

NPM

Manny Pellot e il presidente Caruso

Tabellino: Olympia Comiso – Sicily Express Courier Nuova Pallacanestro Messina 90-87
Olympia Comiso: Celesti 18, Farruggio, Boiardi 17, Savarese 26, Romeo 6, Palazzolo A. 7, Palazzolo D. 4, Vespertino, Susino, Giaccone, Russell 12, Di Mauro. Allenatore: Ceccato.
Sicily Express Courier Nuova Pallacanestro Messina: Diallo 3, Comelli 2, Dominguez, Caroè 17, Pellot 19, Molino 6, Gugliotta 8, Germanotta n.e., Stuppia 32, Migliorato n.e. Allenatore: Pizzuto.
Parziali: 27-25; 19-19 (46-44); 23-21 (69-65), 21-22 (90-87).
Arbitri: Giuseppe Caci di Gela (CL) e Manuela Buscema di Scicli (RG).

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti