La Betaland sfida i Campioni d’Italia di Venezia. Brienza: “Affrontiamo i migliori”

Betaland CdONicola Brienza (Betaland)

L’assistant coach della formazione paladina: “Vogliamo crescere per affrontare al meglio il rush finale”.

Una domenica decisamente impegnativa per la Betaland Capo d’Orlando, alla penultima trasferta della stagione. Si va in casa dell’Umana Reyer Venezia (domenica alle 17.30 diretta Eurosport Player) fresca reduce dalla vittoria nell’andata della finale della FIBA Europe Cup, è una delle migliori squadre del campionato di Serie A PosteMobile e lotterà per riconfermare il titolo di campione d’Italia ottenuto lo scorso anno. La squadra allenata da coach Walter De Raffaele è un osso duro da battere considerata la ricchezza tecnica del roster dei lagunari. Priva di Orelik da gennaio per una lesione al crociato, Venezia ha aggiunto Austin Daye, giocatore che le dà 12.2 punti, 6.5 rimbalzi a partita e 13.4 di valutazione media.

Betaland

De Nicolao cerca spazio (Betaland-Venezia)

Oltre lui sono quattro i giocatori che vanno in doppia cifra: l’esterno Dominique Johnson (11.7 punti), il centro Mitchell Watt (11.4), l’ala Hrvoje Peric (11.1 punti) ed il playmaker MarQuez Haynes (10.1 punti e quasi 4 assist a partita). A loro si aggiugono il tiratore Michael Bramos (9.9 punti) e il gruppo di italiani formato da Paul Biligha (6.1 punti e 3 rimbalzi a partita), Andrea De Nicolao, playmaker che dà minuti di qualità e quantità, e da Stefano Tonut (6.6 punti ad allacciata di scarpa e talento da vendere). La Reyer ha firmato a marzo anche Edgar Sosa, allargando le rotazioni in vista della FIBA Europe Cup e inserendo un giocatore di assoluto valore ed esperienza. Valore ed esperienza vogliono dire anche Bruno Cerella e Tomas Ress, che chiudono i 12 che vanno a referto in campionato e che danno un contributo importante a coach De Raffaele quando chiamati in causa.

Commenta su Facebook

commenti