Il San Matteo s’impone in scioltezza sul campo della Lazur e conquista il primo posto in solitario

L'esultanza delle giocatrici peloritane a fine gara
Il San Matteo Messina (foto Maugeri)

Il San Matteo Messina (foto Maugeri)

Giornata memorabile per il San Matteo Messina che vince con pieno merito lo scontro contro l’ultima della classe, la Lazur Catania e si isola al vertice della classifica del campionato di serie B Femminile grazie al contemporaneo successo delle cugine della Rescifina, vittoriose in casa della Rainbow Catania.
Netta la sconfitta subita dalla Lazùr Catania (42-78 il punteggio finale) ad opera della formazione allenata da Antonio Musolino nel match valevole per la quarta giornata della fase ad orologio del massimo campionato femminile. Le ragazze di coach Catanzaro hanno subito il pressing e la velocità delle atlete messinesi che sono andate a segno praticamente con tutte le loro effettive. Sin dall’inizio dell’incontro giocato al PalArcidiacono le ragazze peloritane hanno preso in mano le redini della contesa, mostrando maggiore organizzazione di gioco e spirito di sacrificio raggiungendo dopo venti minuti di gioco ben 29 punti di margine (15-44) ipotecando la gara.
Solo negli ultimi due tempi le catanesi hanno contenuto il divario numerico ma non sono riuscite nella platonica soddisfazione di vincere un parziale. Nei minuti finali, da segnalare qualche attimo di paura per il violento quanto fortuito scontro avvenuto tra la catanese Messina e la messinese Retto, risoltosi con tanta apprensione e una infrazione alle ossa nasali per la giovane lazurina. In casa peloritana brilla il quartetto formato da Onugha (mvp con 16 punti), Kramer (13), Certomà (11) e Raffaele (11), tutte arrivate in doppia cifra.

L'esultanza delle giocatrici peloritane a fine gara

L’esultanza delle giocatrici peloritane a fine gara (foto Maugeri)

A fine gara il commento del trainer peloritano: “Sono soddisfatto anche se l’incontro sulla carta non era dei più impegnativi. Abbiamo giocato con ordine, mandando tutte le giocatrici a referto. Attendiamo lo scontro decisivo in ottica primo posto contro la Rainbow perche in caso di sconfitta e nell’attesa del risultato dello scontro diretto di Castellammare-Rescifina, gli scenari sono molteplici e potremmo anche retrocedere fino al terzo posto. Spero in una bella cornice di pubblico, le ragazze se la meritano”.
Il prossimo incontro per la capolista del girone è quindi in programma sabato 8 marzo al PalaRussello proprio contro la più immediata inseguitrice. la Rainbow Catania. Una vittoria regalerebbe la matematica certezza della conquista del primo posto e la possibilità di giocare in casa anche l’eventuale finale playoff; in caso di sconfitta nel capoluogo etneo invece con una classifica molto equilibrata e tutte le squadre appaiate, le biancorosse del presidente Mollica dovranno attendere gli incroci degli scontri diretti.

Lazùr – San Matteo 42-78
Parziali: 5-19; 15-44; 30-63; 42-78
Lazur Catania: Miceli, Licciardello 5, Bruni 10, Gecheva 6, Hristova 5, Messina, Carbone, Condarelli, Tropea, Buscema ne, De Lucia10
San Matteo Messina: Kramer 13, Onugha 16, Retto 4, Dominguez 6, Certomà 11, Polizzi 4, Grillo, Raffaele 11, Ingrassia 8, Cascio 5
Arbitri: Guarrera e Barbagallo di Catania

Giusy Oungha in lunetta (foto Maugeri)

Giusy Oungha in lunetta (foto Maugeri)

Commenta su Facebook

commenti