Il Milazzo raggiunge l’Igea sui titoli di coda. Matinella risponde ad Isgrò

Nuova Igea VirtusIsgrò ancora grande protagonista

La Nuova Igea Virtus proprio ad un passo dal traguardo vede sfumare l’occasione di continuare, solitaria, in vetta alla classifica e, proprio sui titoli di coda, si fa raggiungere dal Milazzo, dopo un contestato e inesistente corner. I mamertini, diversamente da quanto fatto in Coppa, sono rimasti in partita fino alla fine, vuoi per meriti propri, vuoi per i demeriti dei giallorossi che diversamente dalle precedenti uscite stagionali, hanno creato ben pochi presupposti affinché il risultato si consolidasse in proprio favore.

Nuova Igea Virtus

Idoyaga ha sfiorato la rete nel finale

La cronaca. Primo squillo del Milazzo, con la girata di Misiti che arriva comoda tra le mani di Maggi. Subito dopo, al 12′, la Nuova Igea lamenta un calcio di rigore per l’atterramento di Isgrò in area, ma il direttore di gara lascia correre. A seguire, Vincenzi, su uno dei sei corner conquistati nella prima mezz’ora dai giallorossi, spedisce a lato da comoda posizione. È l’antipasto del gol che di lì a breve arriverà: Isgrò ruba palla sulla tre quarti, prende velocità per le vie centrali e dal limite col mancino lascia partire un fendente che non lascia scampo all’incolpevole estremo mamertino Fassari. È il tripudio per i mille spettatori che hanno affollato il D’Alcontres-Barone nell’ennesima calda domenica di settembre. Non succederà più niente da qui alla fine del primo tempo.

Nuova Igea Virtus

Capitan Biondo in pressione su Brunetto

Nella seconda frazione di gioco, il Milazzo entra più convinto in campo, con Piccolo che ad inizio di ripresa spara altissimo dal limite, mentre poco dopo Muzzo, da pochi passi su assist del solito Mondello, incredibilmente non centra lo specchio della porta. Non ci sono più grandi sussulti fino al 75′, quando Biondo si invola e riesce a servire Vincenzi, il cui tiro, a colpo sicuro, viene ribattuto in affanno dalla difesa rossoblù. Sul seguente capovolgimento di fronte, Della Guardia riesce a evitare che gli avanti del Milazzo si trovino a tu per tu con Maggi, vanificandone il contropiede. Altro squillo igeano al minuto numero 89, quando Aveni non inquadra la porta. Al 93′ Aureliano, dopo un pallone deviato nettamente da Leo in fallo di fondo, concede sbagliando un corner  al Milazzo.

Milazzo

Matinella firma la rete del pareggio (foto Nino La Rosa)

Sulla battuta il più lesto di tutti è l’inossidabile Santo Matinella che, quando tutto lasciava presagire al successo giallorosso, sigla il goal dell’insperato pari. Ciò nonostante l’Igea, dopo la battuta da centrocampo, ha con Idoyaga la palla della vittoria, ma l’esterno argentino strozza troppo la conclusione che finisce sul fondo, seppur non distante dai pali. La partita ha vissuto di fiammate con i due portieri che, salvo l’ordinaria amministrazione, non sono mai stati chiamati in causa, non ricevendo per l’intero arco della gara tiri nello specchio della porta, salvo che in occasione delle reciproche marcature subite. La Nuova Igea Virtus mantiene comunque la prima piazza, seppur in condominio con Taormina (2-0 sulla Leonzio) e RoccAcquedolcese (corsara 0-1 a Mazzarrone con rete di Paolo Genovese).

Nuova Igea Virtus

L’Igea celebra la rete del momentaneo vantaggio

Domenica prossima il campionato si ferma, per via delle elezioni politiche, con la truppa cara al vicepresidente De Pasquale che tornerà in campo giorno 28, a Sant’Agata di Militello per gli ottavi di Coppa Italia. Sarà la prima di due sfide ravvicinate (28 per l’appunto e domenica 2 Ottobre) che vedrà opposti – sempre in trasferta – i ragazzi del Longano alla RoccAcquedolcese prima in Coppa e dopo in campionato. Al rientro in campo il Milazzo andrà invece a caccia della prima vittoria in campionato sfidando al “Marco Salmeri” il Città di Acicatena.

Il tabellino. Nuova Igea Virtus-Milazzo 1-1
Marcatori: 33’ pt Isgrò (I), 48’ st Matinella (M).
Nuova Igea Virtus: Maggi, Di Bella (29’st De Gaetano), Silipigni (41’st Verdura), Trimboli, Della Guardia, Vincenzi, Biondo, Presti, Abbate, Isgrò (34’st Aveni), Idoyaga. All. Ferrara (in panchina Pirelli).
Milazzo: Fassari, Muzzo (47’st Garofalo), Mondello, Jantus, Leo, Matinella, Crifò, Misiti, Arena, Frassica (1’st Brunetto), Piccolo (2’st Lo Presti). All. Venuto.
Arbitro: Aureliano di Rossano.
Note: Spettatori 1000 circa, di cui una sessantina da Milazzo. Ammoniti Muzzo (M), Abbate (I), Silipigni (I), Jantus (M) e Leo (M). Angoli 9-5 per l’Igea. Rec.: 1’pt, 4’st.

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.