Il Messina piazza il colpo Mancini. Di Nicola annuncia: “Accordo raggiunto”

Il Messina ha praticamente definito una grande operazione per il suo centrocampo, già puntellato con l’ingaggio del giovane Ciciretti. Da L’Aquila arriverà infatti la mezzala Manuel Mancini, 31enne romano con un ottimo curriculum tra i professionisti. Per lui in carriera 47 presenze e 4 reti in B (la gran parte con la maglia del Gallipoli), 77 gettoni e 10 gol in C1 (fra Taranto, Hellas VeronaSalernitana) e 78 gare disputate con 8 marcature in C2.

Manuel Mancini con la maglia della Salernitana

Manuel Mancini con la maglia della Salernitana

Ad annunciare l’imminente definizione della trattativa è il responsabile dell’area tecnica de L’Aquila Ercole Di Nicola, che abbiamo contattato telefonicamente: “Manuel firmerà domani stesso il contratto che lo legherà al Messina. Abbiamo già predisposto tutti gli incartamenti, in modo da consentire una rapida conclusione della trattativa. Abbiamo raggiunto l’accordo con il patron Pietro Lo Monaco ed il direttore sportivo Danilo Pagni, per cui si tratta di una semplice formalità”.

Il 31enne è approdato in estate in Abruzzo con grandissime credenziali ma dopo l’avvicendamento in panchina tra Pagliari e Zavettieri è rimasto un po’ ai margini del progetto, collezionando sì 15 presenze, ma soltanto 4 da titolare, e venendo impiegato in posizioni a lui poco congeniali, perfino da “falso nueve”: “Mancini ha firmato con noi in estate un contratto biennale, che scadrà quindi a giugno 2016. Lo cederemo al Messina in prestito fino a giugno, poi rientrerà alla base”.

Mancini con la casacca del Gallipoli in una sfida contro la Reggina

Mancini con la casacca del Gallipoli in una sfida contro la Reggina

Neppure l’elevato ingaggio, che sembrava fuori portata per via degli standard fissati da Lo Monaco, ha rappresentato un ostacolo insormontabile. L’Aquila probabilmente è andata incontro ai siciliani e d’altronde Pagni ha già spiegato fin dal giorno della sua presentazione che avrebbe cercato di firmare qualche colpo con il contributo economico di altri club, come avvenne ad esempio quando portò Giorgio Corona (sì, proprio lui!) a Taranto con il sostegno finanziario del Mantova“Abbiamo raggiunto l’intesa anche dal punto di vista economico” assicura Di Nicola.

A presentare il neo-giallorosso è proprio il dirigente abruzzese: “Si tratta sicuramente di un grande rinforzo per il Messina. Mancini è una mezzala di centrocampo, che ha tanto estro ed i numeri per cambiare improvvisamente la partita. Può garantire il valore aggiunto anche nel girone C, che pure è molto competitivo. È arrivato a L’Aquila con tante credenziali, ma il cambio di modulo lo ha penalizzato”.

Uno stop volante di Mancini, grande protagonista in granata

Uno stop volante di Mancini, grande protagonista in granata

Se quest’anno non è riuscito ancora a fare la differenza come sperava la società rossoblù, Mancini ha lasciato invece un grande ricordo a Salerno, dove fu protagonista assoluto nell’anno della promozione dalla Seconda alla Prima Divisione. In granata agì anche da trequartista e da interno di centrocampo. Lo Monaco si assicura quindi un “jolly” in grado di fare la differenza nel reparto nevralgico o eventualmente anche alle spalle delle punte, negli “slot” in cui nè NigroPepe sembrano avere soddisfatto appieno la dirigenza.

Se le parole di Di Nicola troveranno conferma, Grassadonia potrebbe gettarlo subito nella mischia insieme a Ciciretti o almeno a gara in corso contro il Savoia martedì mattina. Per un curioso scherzo del destino Mancini è stato protagonista a Taranto, Gallipoli e Salerno, ovvero nelle tre piazze in cui si è consacrato da dirigente proprio Pagni, che spera a questo punto di firmare il poker…

Commenta su Facebook

commenti