Il Messina cade a Monopoli. Non basta Adorante, i pugliesi rimontano (2-1)

CarilloCarillo in pressione su D'Agostino (foto Gabriele La Torre)

Peloritani in vantaggio in avvio con il primo centro in campionato dell’attaccante, perfetto nell’anticipare di testa i difensori. I locali raddrizzano il match con il solito Starita, al quinto gol in quattro gare ufficiali. Nella ripresa buon avvio ospite, ma al 22′ è Grandolfo a sfruttare il secondo assist di giornata di Guiebre. Primo stop stagionale per i giallorossi, che pagano ancora una volta un calo atletico. 

Celic

Il croato Celic fa ripartire l’azione (foto Gabriele La Torre)

Il pre-partita. Dopo i pareggi con Paganese e Palermo, che hanno lasciato più di un rimpianto considerate le ottime prove offerte da Simonetti e compagni, il Messina cerca conferme a Monopoli, sul campo di una formazione fin qui sempre vittoriosa tra campionato e Coppa. Sullo conferma lo stesso undici proposto a Vibo. In panchina i nuovi acquisti Vukusic e Marginean, aggregatisi in settimana. Indisponibili Matese, che sarà costretto a un lungo stop, Russo, che sta superando il problema alla caviglia accusato a Pagani, e Milinkovic, che si unirà finalmente ai nuovi compagni nel corso della prossima settimana, dopo la negativizzazione dal Covid. Tradizionale divisa a righe verticali bianche e verdi per i pugliesi, che indossano pantaloncini e calzettoni verdi. Tenuta interamente rossa per gli ospiti.

La cronaca. Il Monopoli era stato protagonista di due grandi avvii con Catania e Turris, che hanno messo subito in discesa i match. Il Messina invece si mostra subito concentrato e si fa apprezzare in avvio per alcune fitte trame di passaggi. Dopo la foga iniziale, le squadre sembrano comunque volersi studiare. Al 9′ il primo vero spunto sul traversone di Sarzi Puttini: decisivo lo stacco di testa a liberare di Guiebre, 24enne originario del Burkina Faso che sarà grande protagonista. Al 13′ Carillo concede un calcio di punizione dal limite: sugli sviluppi dell’azione ci prova Bizzotto da sinistra ma Lewandowski blocca senza patemi.

Adorante

Adorante di testa porta il Messina in vantaggio (foto Gabriele La Torre)

Il Messina passa al primo vero affondo: Adorante di testa non perdona e firma la sua prima rete in campionato, anticipando l’intera retroguardia pugliese. La punta scuola Inter poi mostra una t-shirt d’incoraggiamento a Matese e abbatte la bandierina nell’esultanza, beccandosi anche un cartellino giallo. Si riparte dopo qualche minuto di pausa e al 21′ i peloritani sono ancora insidiosi con Fofana. Baldé è sofferente e Vukusic inizia a riscaldarsi. Al 26′ però il Monopoli fa 1-1 con il tap-in sotto misura di Starita. Per l’esterno napoletano, che soltanto due anni fa a Caserta andò in doppia cifra, è già la quinta rete in quattro gare: un grandissimo avvio di stagione. Il Messina, che si fa apprezzare in fase offensiva, paga ancora una volta una disattenzione sul traversone dalla sinistra di Guiebre. Poco dopo la mezzora incomprensione tra Lewandowski e Celic, che non riesce ad evitare l’angolo: un po’ incerto il portiere ex Teramo. Al 40′ insistita azione dei locali, con Starita che svirgola, Mercadante da sinistra e Novella da destra che rimettono per due volte in mezzo, fino al fallo subito da Guiebre. Convincente la pressione prodotta dai biancoverdi, Messina un po’ in affanno ma Celic e compagni riescono a contenere le offensive locali. Al 44′ Damian sfugge sulla sinistra e mette un pallone in mezzo, sul quale Loria anticipa soltanto in extremis Adorante, vicino al raddoppio. Sarà l’ultimo vero sussulto ospite. Prima dell’intervallo Damian viene toccato duro. Si va al riposo sull’1-1.

Adorante

Adorante mostra una maglia dedicata a Matese (foto Gabriele La Torre)

In avvio di ripresa cambio obbligato per Sullo: Busatto rimpiazza Baldé, evidentemente sofferente dopo i problemi muscolari già emersi nel corso del primo tempo. Un Messina autoritario, guidato dalla regia del solito Damian, anche grazie alla copertura garantita alle sue spalle da un Fofana in netta crescita, prende subito in mano l’iniziativa, chiudendo il Monopoli nella sua area, ma sarà un’amara illusione. Viene toccato duro Morelli, ma Bussaglia viene graziato dal direttore di gara. Dopo un avvio difficile, il Monopoli cerca di reagire e beneficia degli ingressi in campo di Grandolfo e dell’ex barese Hamlili. Gli ospiti rispondono con Fazzi e Marginean. Al 66′ è devastante sulla sinistra l’affondo di Guiebre, che mette un pallone al bacio a centro area per il neo-entrato Grandolfo, che alla metà del secondo tempo batte imparabilmente Lewandowski, portando in vantaggio i suoi. Sullo corre ai ripari: dentro prima Mikulic e poi l’atteso Vukusic, che però non riceverà palloni giocabili. Il Messina non sembra adesso allentare la pressione dei locali, che collezionano corner. A un minuto dal novantesimo il neo-entrato Nocciolini e Grandolfo sprecano un ghiotto contropiede, originato da un retropassaggio di Morelli. L’Acr non riesce a pungere e il Monopoli fa scorrere con profitto il cronometro. Matura il primo stop stagionale per i giallorossi, che pagano il consueto calo atletico e devono registrare qualcosa in difesa, avendo già subito nove reti in quattro match ufficiali. Mercoledì si torna in campo a Foggia in Coppa Italia, domenica prossima l’atteso esordio al “Franco Scoglio” contro la Virtus Francavilla.

Morelli

Morelli gestisce un possesso (foto Gabriele La Torre)

Il tabellino. Monopoli – Messina 2-1
Marcatore: al 17′ pt Adorante (ME), al 26′ pt Starita (MO), al 22′ st Grandolfo (MO).
Monopoli: Loria, Mercadante, Bizzotto, Starita (42′ st Nocciolini), Piccinni (C), Guiebre, D’Agostino (14′ st Grandolfo), Bussaglia (42′ st Langella), Arena, Vassallo (14′ st Hamlili), Novella (30′ st Tazzer). In panchina: Guido, Riggio, De Santis, Morrone, Romano, Nina, Milani. Allenatore: Alberto Colombo.
Messina: Lewandowski, Morelli, Fofana (15′ st Marginean), Simonetti, Adorante (26′ st Vukusic), Damian, Baldé (1′ st Busatto), Carillo (C), Distefano (15′ st Fazzi), Sarzi Puttini, Celic (23′ st Mikulic). In panchina: Fusco, Gonçalves, Fantoni, Konate, Catania, Rondinella. Allenatore: Sasà Sullo.
Arbitro: Francesco Luciani di Roma 1. Assistenti: Luca Valletta di Napoli e Federico Votta di Moliterno (PZ).
Note – Ammoniti: al 18′ pt Adorante (ME), al 47′ pt Vassallo (MO), al 24′ st Guiebre (MO), al 32′ st Hamlili (MO). Corner: 5-1. Recupero: 4′ pt.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma