Il Comune affida a Messinaservizi pulizia e custodia di stadi e campi d’atletica

Franco ScoglioLa Messinaservizi Bene Comune ha potato gli alberi all'esterno dello stadio già nel 2018

Il Comune ha deciso di affidarsi a Messinaservizi Bene Comune. Un atto di indirizzo della Giunta, che è in fase di valutazione da parte del Dipartimento Sport, con cui si è tenuta in giornata una riunione programmatica, cerca infatti di mettere mano all’annosa questione dell’insufficiente manutenzione dello stadio “Franco Scoglio”.

Franco Scoglio

Gli interventi di scerbatura all’esterno dello stadio effettati nel maggio 2018

L’intenzione di Palazzo Zanca è quella di esternalizzare i servizi di pulizia, scerbatura e custodia “con la garanzia che servizi fondamentali possano essere eseguiti finalmente con continuità”, come sottolinea l’assessore allo sport Francesco Gallo. La società partecipata intervenne a San Filippo già nel 2018, alla vigilia dei concerti estivi. Ma il riferimento non è soltanto alle aree verdi che costeggiano il campo ma anche alla mancanza di adeguata vigilanza.

Non è un mistero d’altronde che negli anni siano stati più volte vandalizzati i locali del Gos, che gestiscono l’impianto di videosorveglianza, dai quali sono stati sottratti computer, monitor e telecamere, che dovranno essere riacquistati in vista del torneo di Lega Pro. Che i controlli siano stati insufficienti lo dimostra anche la sottrazione di sifoni e scarichi in svariati bagni dell’impianto.

campo di atletica

Anche il campo di atletica Santamaria tra le strutture affidate a Messinaservizi (foto Omar Menolascina)

“Adesso che la stagione fortemente condizionata dal Covid sembra essere finalmente alle spalle abbiamo deciso di affidare la manutenzione provvisoria a una società partecipata, che si occuperà dei due stadi e dei campi d’atletica Santamaria e Cappuccini, chiarisce Gallo. In seconda battuta dovrebbero subentrare anche la piscina del complesso del Torrente Trapani, che al momento è interessata da un contenzioso giudiziario con la Waterpolo Messina, che l’ha gestita negli ultimi anni, e il campo Bonanno dell’Annunziata, la cui concessione ai privati scade a luglio.

Per quest’ultima struttura si registra un interesse dell’Università, ma il Comune sembra preferire l’affidamento a un’associazione sportiva, anche se sarebbe stato appurato che soltanto una parte degli interventi migliorativi previsti è stata in realtà portata a compimento nel corso dell’ultima gestione.

"Nicola Bonanno"

I rinnovati interni del “Nicola Bonanno” dell’Annunziata

L’esponente della Giunta De Luca spiega che “Messinaservizi non avrà rapporti diretti con le società che dovranno sostenere gare ufficiali o allenamenti, che saranno curati sempre dal Dipartimento Sport del Comune. La società curerà semplicemente gli interventi che non possono più essere posticipati nel tempo”. 

Palazzo Zanca si riserva anche la possibilità di consentire l’affidamento per singoli eventi, “pur conoscendo le criticità di alcuni impianti come lo stadio Giovanni Celeste, la cui messa in sicurezza in virtù delle nuove normative e della posizione urbanistica resta ipotesi poco percorribile.

La designazione di Messinaservizi, che ha già sollevato le perplessità di alcuni consiglieri comunali, secondo l’Amministrazione potrebbe essere “più congrua dal punto di vista economico” se paragonata al “ricorso a società private” e sembra convincere maggiormente rispetto alle gestioni da parte dei club, dopo un decennio in cui l’agibilità dello stadio di San Filippo è sempre stata al centro di un’interminabile contesa con la Commissione di Vigilanza.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma