Il Città in doppia inferiorità numerica strappa un punto alla Jonica

Città di Messina

Come accaduto nella gara d’andata il Città di Messina impatta 0-0 con la Jonica nel match disputato questo pomeriggio al Garden Sport per la 21esima giornata di Promozione. I giallorossi non sono riusciti a ritrovare la vittoria dopo la pesante sconfitta subita la settimana scorsa con il S.Biagio, ma hanno fatto vedere incoraggianti progressi dal punto di vista dell’approccio alla gara. In un match equilibrato, i peloritani recriminano per alcune scelte arbitrali (rigore non fischiato dopo un evidente tocco di mano del difensore e mancata espulsione di Lombardo che falcia da dietro Arigò lanciato a rete) e sfiorano il gol nella ripresa con Arigò che si libera agevolmente di due difensori, ma non riesce a inquadrare la porta da buona posizione. Nel quarto d’ora finale il Città di Messina si ritrova in inferiorità numerica per le espulsioni di Amante, autore di un ingenuo fallo di reazione su Loria, e Balastro che al 90′ rimedia il secondo cartellino giallo. In nove uomini, i giallorossi stringono i denti e portano a casa un punto, sicuramente più utile agli avversari ai fini della classifica.

Santino Bellinvia (CdM)

Cronaca

Bellinvia è costretto ancora una volta a rinunciare al centrocampista Quintoni, bloccato all’ultimo da un fastidio muscolare. Tra i pali si sistema Simoni, in difesa Balastro, Leo, Bombara e Fragapane, sulla mediana agiscono Alessandro e Cardia con Mancuso in posizione più defilata. Tridente d’attacco formato da Amante, Arigò e Codagnone.

Nei primi dieci minuti è la Jonica a detenere il possesso di palla, ma il primo squillo è del Città di Messina. Al 13′ Arigò serve Amante il cui tiro è deviato in corner da Gugliotta. Un minuto dopo buona occasione per i padroni di casa con un contropiede che Amante, dopo aver rubato palla a metà campo, non riesce a concretizzare sbagliando l’appoggio per Arigò. Al 20′ vibranti proteste del Città di Messina per un tocco di mano in area non sanzionato dal direttore di gara. Al 36′ si fa viva la Jonica con un bel lancio di Loria per Monaco che si accentra e conclude verso la porta di Simoni con un tiro troppo debole per creare problemi. Poco dopo ci riprova ancora una volta Monaco, senza però riuscire ad inquadrare lo specchio della porta. Al 40′ ancora una decisione errata del signor Di Lorenzo di Agropoli penalizza il Città di Messina che parte in contropiede con Arigò falciato poco prima dell’area di rigore da Lombardo. Il direttore di gara fischia il fallo ma si limita ad ammonire il terzino ospite.

Nel secondo tempo permane ancora l’equilibrio. Al 72′ Amante fa partire un tiro-cross direttamente da calcio d’angolo, Gugliotta ci mette una pezza. Cinque minuti dopo lo stesso Amante si fa però cacciare dal campo per un ingenuo fallo di reazione ai danni di Loria. Il Città di Messina arretra il proprio baricentro e al minuto 80 ha l’occasione del vantaggio: Arigò semina il panico sulla destra, lascia sul posto due avversari e da ottima posizione conclude, ma il suo tiro termina alto. All’89′ i padroni di casa restano addirittura in nove uomini dopo la doppia di ammonizione rimediata da Balastro. Bellinvia corre ai ripari inserendo Cordima al posto di Mancuso. Nei quattro minuti di recupero la Jonica tenta di approfittare dalla doppia superiorità numerica, ma la difesa giallorossa regge bene.

Prova di carattere per il Città di Messina che con un pizzico di fortuna in più avrebbe potuto portare a casa addirittura la vittoria. Simoni e compagni torneranno in campo già mercoledì pomeriggio per affrontare al Garden Sport il Castellamare del Golfo nell’andata di finale di Coppa Italia. Sabato prossimo turno nuovamente casalingo con il Città di S.Filippo del Mela.

Espulsione per Amante

Il tabellino

Città di Messina – Jonica 0-0

Città di Messina: Simoni, Balastro, Bombara, Cardia, Leo, Fragapane, Alessandro, Mancuso (90′ Cordima), Codagnone, Arigò (86′ Giove), Amante. Allenatore : Santino Bellinvia

Jonica: Gugliotta, Loria, Lombardo, Herasymenko, Sanfilippo, Smiroldo, Monaco, Cambria, Fugazzotto (78′ Tavilla), Maggioloti, La Forgia (46′  Savoca). Allenatore: Domenico Moschella.

Arbitro: Gianluca Di Lorenzo di Agropoli. Assistenti: Michele Raspanti di Catania e Costantin Palumbo di Agrigento

Ammoniti: Balastro, Arigò, Fragapane, Alessandro (CdM), Lombardo, Sanfilippo, Savoca (J)

Espulsi:  Amante, Balastro (CdM)

Recupero: 2′pt, 4′st

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti