Quarto innesto per il Sant’Agata. Arriva l’attaccante under Antonio Miceli

Città di Sant'AgataAntonio Miceli è il quarto volto nuovo per il Sant'Agata, il secondo tra gli under

Non perde tempo il Città di Sant’Agata, che a fine mese inizierà il raduno precampionato e rafforza il gruppo di atleti juniores. Il quarto innesto per la stagione 2022/2023 è quello dell’attaccante classe 2004 Antonio Miceli, protagonista lo scorso anno di un’ottima stagione con la maglia del Priolo Gargallo nel campionato di Promozione.

Sant'Agata

Antonio Miceli con il direttore sportivo Ettore Meli

“Sono orgoglioso di indossare questa maglia e di far parte di questo progetto ambizioso”, commenta il giovanissimo attaccante. “Non vedo l’ora di cominciare per conoscere i miei compagni e mettermi a disposizione del mister in una categoria che mi è nuova ma dove darò certamente il massimo. Ringrazio per la fiducia che ripagherò in campo”.

“Siamo molto contenti di riuscire a pescare anche nelle categorie inferiori giocatori giovani di indubbia qualità”, commenta il ds Ettore Meli. “Antonio ci ha da subito dato la sensazione di essere un ragazzo maturo ben oltre la sua stessa età, con una mentalità veramente da calciatore pronto a crescere e migliorarsi”. Raggiunge gli altri acquisti over Bonfiglio e Ribeiro e il neo biancazzurro Morleo tra gli under.

Sant'Agata

Francesco Bonfiglio, ex Trapani, tra i volti nuovi del Sant’Agata

Questo il riepilogo del mercato estivo del Città di Sant’Agata. 
Conferme – Claudio CALAFIORE (c, 1995), Tommaso SQUILLACE (c, 1989), Giorgio CICIRELLO (a, 1995).
Arrivi – Gaspar MONTEIRO RIBEIRO (c, 1998; Montemiletto), Simone MORLEO (c, 2002; Brindisi), Francesco BONFIGLIO (a, 1997, Trapani), Antonio MICELI (a, 2004; Priolo Gargallo).
Partenze – Klavs BETHERS (p, 2003; Piacenza), Fabio ALAGNA (a, 2000; Montevarchi).

+ posts
+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma