Il Camaro torna alla vittoria, Genovese segna da corner e stende lo Scordia: 1-0

Paolo Genovese ha realizzato la sua prima tripletta stagionale (foto Isolino)

Terza gara in appena sei giorni e seconda vittoria casalinga consecutiva per il Camaro. Reduci dal ko subìto mercoledì a Paternò, Cappello e compagni superano al “Despar Stadium” il Città di Scordia al termine di un match in cui i neroverdi hanno collezionato tante occasioni da gol, trovando però la rete solo al 21′ del secondo tempo con Genovese: perfetta la parabola mancina del numero 10 direttamente da calcio d’angolo. La vittoria rilancia il Camaro, che arriva a quota 38 punti restando aggrappato alla zona play-off.

Il Camaro che ha affrontato lo Scordia (foto Isolino)

La cronaca – Formazione ricca di novità quella proposta oggi dal tecnico del Camaro Lucà, che schiera contemporaneamente ben cinque juniores: 4-3-3 con Sanneh in porta, Cappello, Cammaroto, Morabito e Pantano in difesa, a centrocampo ai fianchi di Munafò ci sono il classe 2000 Spoto e il classe 2001 Bonasera, in avanti D’Amico al centro con Genovese a destra e Paludetti a sinistra.

Fase di studio in avvio e primo tentativo al 6′ di Paludetti: il suo tiro dalla lunga distanza finisce a lato. All’11’ lo stesso Paludetti va al cross da sinistra provando ad innescare Genovese, che però in spaccata non arriva all’appuntamento con il pallone. Al 13′ è invece la tempestiva uscita del portiere ospite Catanese a fermare Genovese sul lancio di Munafò. Lo Scordia non sta a guardare e si fa vivo in avanti al 17′ con la punizione di Baglione, potente ma non abbastanza precisa, e al 18′ con una rapida ripartenza conclusa con il tiro di Gennaro bloccato con sicurezza da Sanneh. Passa appena un minuto e il Camaro si avvicina di nuovo pericolosamente alla porta avversaria: cross di Paludetti da sinistra e girata di D’Amico alta non di molto. Di poco a lato, invece, al 20′ il colpo di testa di Cammaroto sulla punizione di Genovese. Segue una breve fase priva di emozioni ma ben presto i ritmi tornano ad alzarsi e le occasioni si moltiplicano.

Il gol di Genovese direttamente da corner (foto Isolino)

Al 32′ lo Scordia si distende in contropiede ma la conclusione di Grazioso non è precisa. Al 33′ replica il Camaro: cross di Cappello, Paludetti si “avvita” bene ma il suo colpo di testa è centrale e Catanese può intervenire. La migliore occasione capita però agli ospiti, vicinissimi al gol, seppur in maniera fortuita, al 34′: cross da sinistra di Cosentino, Morabito interviene di testa, la sfera scavalca Sanneh e va a terminare sul palo, poi è Cammaroto a sventare definitivamente la minaccia. Scampato il pericolo, il Camaro si rituffa in avanti e al 36′ Catanese non riesce a trattenere il pallone sulla punizione di Genovese generando un batti e ribatti risolto dalla difesa ospite. Altra chance per i neroverdi al 37′: Munafò innesca D’Amico, gran controllo a seguire e sinistro dal limite che si spegne di poco a lato. I padroni di casa chiudono in avanti e, dopo un severo giallo per simulazione rimediato da Paludetti al 38′ e un penalty invocato invano da D’Amico al 43′, vanno al tiro con la punizione di Genovese che al 45′ trova la porta da sinistra ma anche l’intervento del portiere avversario.

Munafò in azione (foto Isolino)

La ripresa si apre con la pesante ammonizione rimediata al 2′ da Cammaroto, che salterà così per squalifica il prossimo match. Il primo tiro in porta del secondo tempo è ancora di Genovese al 10′: punizione dalla lunga distanza e risposta in tuffo di Catanese che devia in corner. Al 13′ corner di Genovese, palla e centro area, tentativo ravvicinato in spaccata di Munafò e palla oltre la traversa. Al 15′ ancora un tentativo da fermo di Genovese, Catanese respinge corto, Cappello prova a ribadire in rete ma il portiere dello Scordia si oppone nuovamente. Al 17′ Lucà ridisegna la sua squadra effettuando tre sostituzioni: dentro Mondello, Falcone e Cardia per Pantano, Bonasera e Spoto. Gli ospiti, intanto, continuano ad affidarsi al contropiede e al 19′ si distendono ancora bene ma il tiro di Gennaro è centrale e Sanneh interviene senza affanni.

Al 21′ si decide il match: corner da destra per il Camaro, batte Genovese che disegna una parabola imprendibile per il portiere avversario e manda la sfera ad insaccarsi all’incrocio sul palo lontano. Per l’attaccante di Barcellona dodicesimo sigillo stagionale, quinto con la maglia neroverde. Al 25′ è Mondello a cercare il raddoppio su calcio di punizione: gran botta mancina a cercare l’angolino basso, Catanese si distende e respinge. Al 29′ è Cardia ad innescare Paludetti, che entra in area da sinistra e calcia con il mancino trovando ancora la risposta del portiere ospite. Poco dopo dentro anche Campo, che rimpiazza Munafò. Il Camaro prova a chiudere i conti e continua a spingere: al 32′ gran cross di Mondello da sinistra, inserimento da destra di Genovese che calcia al volo ma trova ancora la risposta di Catanese. Al 34′ Cappello verticalizza per Paludetti, che scavalca il portiere ma si allunga la sfera e la vede sfilare sul fondo.

Festa Camaro (foto Isolino)

Cambi completati al 41′ con l’ingresso di De Luca per D’Amico. Ampi spazi per il Camaro nel finale, prova ad approfittarne Genovese al 44′ ma viene chiuso da Messina prima di riuscire a servire l’accorrente De Luca. Al 49′ lo Scordia resta in dieci uomini: espulso Baglione per proteste. Anche negli istanti finali due grosse chance per il Camaro, entrambe con Cardia, che al 49′ calcia da fuori ma Catanese devia in tuffo la sfera sul palo, e poi al 50′ riceve da Paludetti in area ma non centra il bersaglio. Termina 1-0 in favore del Camaro, che raggiunge quota 38 punti e resta nella zona alta della classifica. Prossimo impegno domenica 10 marzo al “Salmeri” di Milazzo contro la squadra guidata dall’ex tecnico neroverde Pasquale Ferrara.

Camaro – Città di Scordia 1-0
Marcatori
: 21′ st Genovese.
Camaro: Sanneh, Cappello, Pantano (17′ st Mondello), Munafò (29′ st Campo), Morabito, Cammaroto, Paludetti, Spoto (17′ st Falcone), D’Amico (41′ st De Luca), Genovese, Bonasera (17′ st Cardia). In panchina: Forestieri, Freni, Ginagò, Costa. Allenatore: Michele Lucà.
Città di Scordia: Catanese, Marino (7′ st Messina), Cosentino, Aiello, Tornatore, Castiglia, Licata, Baglione, Gennaro (31′ st Provenzano), Vitale (17′ st Caruso), Grazioso. In panchina: Carrera. Allenatore: Natale Serafino.
Arbitro: Elia Nunzio Maria Salerno della sezione di Catania.
Assistenti: Giuseppe Lugaro e Pietro Sardella della sezione di Palermo.
Ammoniti: 27′ pt Aiello (S), 39′ pt Paludetti (C), 2′ st Cammaroto (C), 2′ st Gennaro (S), 8′ st Munafò (C), 23′ st Tornatore (S), 42′ st Grazioso (S).
Espulsi: 49′ st Licata (S).
Recupero: 1′ pt, 7′ st

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

Commenta su Facebook

commenti

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva